Tiromancino: da una
casa in riva al mare

Sin dall’esordio negli anni 90 sono l’emblema di un pop d’autore elegante e raffinato, che racconta le mille e una sfumature dell’amore. — DIEGO PERUGINI

Un nome di culto quello dei Tiromancino, alter-ego del cantante e compositore (e apprezzato regista) Federico Zampaglione, che nel corso del tempo ha alternato picchi di successo e qualche pausa di riflessione. Ora il ritorno di Nel respiro del mondo (Sony), che conferma il classico stile del progetto con qualche novità. Per esempio il suono, più essenziale e contemporaneo, ideale per il…mood» poetico e visionario di Zampaglione, che ha scritto la maggior parte dei pezzi in una casa in riva al mare, cercando di coglierne essenza, e profumi. Risultato piacevole e suggestivo, con una voce più calda e «scura» al servizio della «battistiana» Piccoli miracoli, della malinconia soffusa di Mare aperto e della sensualità di Non dipende da noi. Più leggera, quasi «disco», è Imprevedibile, mentre Molo 4 piace per il coinvolgente finale psichedelico.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?