Tiziano Ferro «il mestiere della vita»

Il cantante italiano ci racconta del suo ultimo lavoro: tanto ritmo, beat elettronici e melodie rotonde. Un ritorno alle origini con la maturità dell’età adulta. — DIEGO PERUGINI

CLICCA QUI PER VINCERE I CD!

Sorridente, rilassato, a suo agio. E più sereno. Tiziano Ferro sembra aver cacciato per sempre i suoi demoni, ritrovando la pace con se stesso. Un percorso di vita che corre di pari passo con la musica. Non a caso il suo nuovo cd, Il mestiere della vita (Universal), è più solare e meno drammatico, più estroverso e meno contorto. C’è tanto ritmo in queste canzoni, beat elettronici e melodie rotonde, un ritorno alle origini con la maturità dell’età adulta. Insomma, il Tiziano Ferro che preferiamo. Di ballate vecchio stile ce ne sono poche, a partire dal singolo Potremmo ritornare, che sulle prime pare una canzone d’amore ma cela un risvolto più spirituale. Epic ha un incedere marziale, Lento/Veloce gioca fra r&b ed elettropop, My Steelo rimanda ai tempi in cui Ferro diciassettenne cantava nel gruppo rap Sottotono. Momento a parte (e piccolo capolavoro) è Il Conforto, inedito duetto con Carmen Consoli.

Com’è nato il disco?
Senza pensare a fare un disco. Ho provato a scrivere come agli inizi, per capire se ciò che facevo mi piaceva ancora. Senza fretta, né pressione. Ho preso casa a Los Angeles, mi sono messo da solo a lavorare, come facevo a 16 anni nella mia cameretta. E mi sono trovato in mano questo album.

Un ritorno alle origini?
In parte, sì. Mi ricorda i primi due lavori, ma con un approccio d’attacco, più aggressivo. Lo vedo come la fine di un capitolo e un nuovo inizio. Mi sono permesso il lusso di un cd a volte anche contraddittorio, ma mi andava così. Qualcuno intorno a me si è spaventato, pensavano a un passo falso. Ma alla fine li ho convinti.

Oggi è più sereno e sicuro di se stesso: ha forse imparato… «il mestiere della vita»?
Un grosso cambiamento c’è stato, anche a livello di percorso spirituale. La mia vita correva troppo e, a un certo punto, ho sentito il bisogno di conforto e di ritrovare gli affetti più cari. Allora ho abbassato il ritmo e ripreso i contatti. Nelle canzoni prima mi chiudevo a riccio, stavo sulla difensiva, mentre ora non ho paura di esporre la mia ricerca personale. Anche perché la musica è l’unico modo in cui racconto me stesso. Io non amo apparire né spiegare i miei pezzi. E non frequento i social network: dire che li disprezzo è troppo, ma le tempistiche così veloci non fanno per me.

Come si è trovato a Los Angeles?
Un posto strano, ci ho messo un sacco di tempo per capire se l’amavo o l’odiavo. Il bello è che lì si fanno davvero delle cose, hai mille opportunità, mentre altrove è più complicato. Ora vivo lì, ma non è un trasloco definitivo: per carattere non riesco stare fermo. Non sono fuggito dall’Italia, visto da lontano il mio Paese non è meglio né peggio di tanti altri. Anche se coi diritti civili siamo un po’ indietro.

«Il conforto», in duetto con Carmen Consoli, ci sembra il brano più riuscito.
È la mia artista preferita, la vera erede di Mina per la spontaneità nel canto. Lei mi ha definito la sua «controparte maschile» e mi sono ritrovato in tante sue cose; è persino più schiva di me. È una canzone particolare, quasi parlata, lontana dai manierismi tipici di certi duetti.

Quando la rivedremo in concerto?
Da giugno 2017 sarò di nuovo negli stadi italiani. E non so ancora cosa succederà. Di certo immagino uno spettacolo al servizio della musica e degli spettatori, divertente e con tante canzoni del passato. Non capisco quegli artisti ego-riferiti che snobbano i loro successi, mi sembrano autolesionisti. Per me il momento più bello è quando sei sul palco e vedi la gente che ti restituisce le emozioni.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?