Le cantine della Maison Taittinger.

Tutte le bollicine dello champagne

Cantine e vigneti, visite e degustazioni: dalla Maison Taittinger alla Moët & Chandon. Per un soggiorno, in parte sotterraneo, tra cuvée e brindisi. 

Se amate le bollicine, seguite la strada dello Champagne e godetevi  i suggestivi paesaggi dell’omonima regione francese. Lo Champagne necessita di tempo, di freschezza e di cure attente per raggiungere la perfezione della sua maturità. Condizioni irrinunciabili che sono riunite e applicate a Reims, nella cantina di Taittinger, una delle più belle e suggestive della regione. In questo luogo, così unico, invecchiano, sotto l’occhio esperto e attento dello Chef de cave Loïc Dupond, milioni di bottiglie di Champagne che ogni anno vengono esportate in tutto il mondo, fino a giungere sulle nostre tavole nelle grandi occasioni.
Il sapore intenso e fruttato dello Champagne Taittinger è legato a doppio filo con la storia di questa Maison risalente al 1734 e alla quale Pierre Taittinger nel 1930 diede nuova linfa vitale. Ma la vera forza di questa casa vinicola, con una media di 6 milioni di bottiglie prodotte all’anno, è soprattutto legata ai quasi 300 ettari di vigneti di proprietà, tra i quali spiccano in particolare i vigneti Grand Cru di Chardonnay.
Visitando le cantine della Maison Taittinger si possono ritrovare, ancora perfettamente conservate, le tracce della loro evoluzione storica. La parte più antica occupa l’area delle famose crayère di gesso, le gallerie belliche gallo-romane scavate a piramide nel IV secolo d. C. che solo più tardi, nel XIII secolo, furono ingrandite dai monaci dell’abbazia Saint-Nicaise per conservare il vino di Champagne che commercializzavano. I resti di questa Abbazia, distrutta durante la Rivoluzione francese, sono ancora visibili e perfettamente conservati nelle cantine.
«Provate a contare le innumerevoli date storiche, i ritratti e le dediche d’amore incise sulle pareti», invita a fare la famiglia Taittinger. Nei quattro chilometri di cave sono conservati circa 1.6 milioni di bottiglie, ma è proprio la cripta dell’antica abbazia medievale il luogo più prezioso, perché è là che invecchiano le bottiglie della pregiata cuvée Comtes de Champagne blanc de blancs, mentre i restanti 23 milioni di bottiglie si trovano nelle cantine in Rue de la Justice. «Esistono varie ragioni per fermarsi a visitare la Maison. Basti solo pensare che recentemente le nostre cantine sono state classificate come patrimonio mondiale dall’Unesco. La visita guidata che offriamo include anche un video sulla storia della Maison, nonché delle degustazioni speciali che siamo sicuri non deluderanno», sottolineano i Taittinger. Santé, Bonheur, Champagne! 


Una panoramica su Château de la Marquetterie.

Veuve Clicquot Ponsardin
Il viaggio alla scoperta delle cantine di Reims continua con una sosta alla Maison Veuve Clicquot Ponsardin in Rue du Temple. Utilizzata come riparo durante la Prima Guerra Mondiale, questa rete sotterranea di cantine copre un’area di 24 km che consente di scoprire le diverse fasi di maturazione dello Champagne. Caratteristiche le incisioni di graffiti lasciate sulle pareti di roccia dai mastri cantinieri.

Pommery
Esplorare il Domaine Pommery a Reims significa intraprendere un viaggio fra 50 ettari tra vigneti, edifici storici, giardini e opere d’arte consacrati allo Champagne. Da non perdere Villa Demoiselle, piccolo gioiello architettonico costruito nel 1909 in un mélange di art nouveau e art déco. Percorrete la sontuosa scalinata di 116 gradini che porta ai 30 m sotterranei per accedere alle monumentali cantine.

Moët & Chandon
Spostandosi a Epernay, cittadina caratteristica della Marna, si può visitare la famosa Maison Moët & Chandon. Le sue cantine, lunghe 28 km, custodiscono l’equivalente di 90 milioni di bottiglie. Interessante la visita guidata che mostra le varie fasi della preparazione dello Champagne, tra cui il remuage, ovvero l’oscillazione delle bottiglie secondo il metodo champenois e il dégorgement, la sboccatura.


 


Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Mirko Rainer

Foto: Alamy, Keystone

Pubblicazione:
domenica 20.12.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?