Frank Ocean, radiografia
di un successo

È uno degli artisti più chiacchierati del momento, incensato dalla critica e dai fan. — DIEGO PERUGINI

Tutti pazzi per Frank Ocean, nuovo talento «black» e personaggio sfuggente e antidivo. Un tipo che va controcorrente, capace di pubblicare due album nel giro di pochi giorni, rompendo con una major e prendendo la via dell’indipendenza. Il suo stile, minimale e avvolgente, ha già fatto scuola ed è diventato un punto di riferimento importante per le ultime tendenze in fatto di soul e r’n’b. Un nome di culto, insomma, che però va forte anche nelle classifiche. Vera gloria o bluff clamoroso? Al di là delle esagerazioni diremmo la prima. Perché Blonde (Boys Don’t Cry) è un lavoro scarno e affascinante, con ritmi lenti, melodie emozionali, elettronica soffusa, riff di chitarre, voce suggestiva e citazioni sparse. Una sorta di «flusso di coscienza», dove Ocean racconta il suo mondo complesso e tormentato. Un disco intenso, privo di singoli accattivanti, da ascoltare con attenzione e senza pregiudizi.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?