The Chicken Whisperers, i detentori dell’attuale record durante il volo del 2013 in California.

Volo pazzo, tentando il«colpaccio»

Il pilota e inventore Andreas Reinhard è la mente di Grosser Wurf, una delle squadre che gareggeranno il 16 luglio a Zurigo. Nel team, anche il campione di bob Beat Hefti. — THOMAS COMPAGNO

La massima decoubertiniana per cui l’importante non è vincere, ma partecipare è ben lontana dal suo credo. Quando, il 16 luglio, a Zurigo, Andreas Reinhard schiererà il suo team sulla piattaforma di lancio del Red Bull Flugtag, il suo obiettivo sarà uno solo: far arrivare la sua macchina volante il più lontano possibile. Almeno quanto basta per stracciare l’attuale record di 78,64 metri, raggiunti nel 2013 da un team californiano.



Alla sede svizzera di Red Bull il sessantenne originario di Hausen am Albis (ZH) si è fatto una nomina per aver intasato la linea telefonica con domande bizzarre. Ad esempio: «Quanto è lunga la superficie lacustre dietro la rampa?». Del resto, come battere il record senza un’informazione così essenziale?

La pilota del team Grosser Wurf Yvonne Schwarz testa il modellino del velivolo della squadra.


Nulla è lasciato al caso
La sua squadra, Grosser Wurf (che in tedesco significa «colpaccio»), è stata scelta da Coop tra una cinquantina di candidati per gareggiare con i suoi colori alla più strampalata gara di volo al mondo, firmata Red Bull. Per ora il team sta ancora apportando gli ultimi ritocchi al suo prototipo. Al nostro arrivo nella loro officina-laboratorio, Yvonne Schwarz (39) è accovacciata dietro al modellino del velivolo e tende uno spago. Non appena lo lascia, il velivolo è catapultato da una rampa di lancio. La velocità e le correnti ascensionali sono propizie: la macchina volante è in perfetto assetto di volo. Roman Zweifel  e Thomas Hämmerle, due compagni di squadra, la recuperano prontamente prima che si fracassi a terra.



Il gruppo è soddisfatto: i profili corrispondono alle proprietà di veleggiamento auspicate e anche la rampa realizzata ad hoc svolge egregiamente il suo compito. «Si tratta di un prodotto ad alto contenuto tecnologico» commenta compiaciuta Yvonne Schwarz. Il suo giudizio sull’apparecchio e la fiducia che vi ripone sono fondamentali: sarà proprio lei a pilotare la macchina volante e gettarsi dalla rampa posizionata alla Landiwiese, sul lago di Zurigo. L’esperta pilota di linea e di alianti possiede due caratteristiche che potrebbero portare il team a raggiungere il suo obiettivo: solo 157 cm di statura e un peso piuma di 46 chili.

Reinhard, inventore con all’attivo già diversi brevetti, è la mente del team. Il suo ingegno l’ha già dimostrato due anni fa, facendo emergere dalle acque ghiacciate del lago di St. Moritz, un finto sommergibile. Un’altra sua grande impresa risale al 1995, quando fece volare una mongolfiera «capovolta», con la gondola posizionata sopra, anziché sotto il pallone aerostatico. A questo eclettico personaggio spetta anche la paternità di invenzioni più serie come un sedile aeronautico gonfiabile, una tuta anti-G (l’indumento indossato da aviatori e astronauti sottoposti ad alti livelli di accelerazione per previene la perdita dei sensi) o rivoluzionarie sedie da ufficio. Nel 2006 Idee Suisse lo premiò «imprenditore innovativo». Ma Reinhard è salito alla ribalta della cronaca soprattutto nel campo dell’efficienza energetica e dell’aeronautica: fu uno dei primi a costruire impianti fotovoltaici negli anni Settanta ed è stato pilota di più di 90 tipi di aerei e  elicotteri, tra i quali anche alcuni prototipi. «È da 35 anni che esploro il mondo dell’aviazione, azzardando le idee più strampalate, e né io né le persone del mio team hanno mai subito un incidente», spiega Reinhard.

La sicurezza della squadra è priorità anche durante il Red Bull Flugtag. Per questo, prossimamente l’originale del velivolo verrà costruito e sarà sottoposto a collaudo. «Il nostro mezzo non spiccherà il suo primo volo il 16 luglio. Prima di quella data contiamo di aver compreso alla perfezione come si comporta e cosa dovremo fare per volare in tutta sicurezza e il più lontano possibile».

Campioni di bob danno lo slancio
I quattro spingitori della squadra, che alla partenza avranno il compito di dare all’apparecchio lo slancio necessario per spiccare il volo, non sono stati ingaggiati a caso: tutti hanno un passato agonistico nel bob svizzero. Tra questi vi è Beat Hefti, pluricampione europeo e mondiale di bob a due e a quattro. «È bastato mostrargli il nostro progetto perché si facesse subito prendere dall’entusiasmo» commenta Hans Spring, ex direttore medico e responsabile sanitario del bobbista svizzero e oggi consulente medico nell’impresa di Reinhard.
A sfidare il team Grosser Wurf al Red Bull Flugtag il 16 luglio alla Landiwiese di Zurigo vi saranno altre 48 squadre. La gara avrà inizio alle 14. L’ingresso è gratuito.

A lanciarsi il 16 luglio dalla rampa di lancio Red Bull alla Landiwiese di Zurigo vi saranno anche i Bip Bip Flyer di Gordevio, i La Trifola di Stabio, i The Looping Machine di Camorino e i Flying Fortress di Faido. Dalla redazione di Cooperazione, buon volo e buon bagno a tutti i piloti ticinesi.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione