Davide e Simona, con le loro simpatiche amiche. (Foto: Hsaskia Cereghetti Landrini)

«Abbiamo le amiche
più lente che ci siano»

Le tartarughe terrestri si possono allevare in cattività, se le condizioni ambientali sono adatte. — AMELIA VALSECCHI IORIO

«Sono al buio. Che caldo qua dentro. Sono da sola oppure c’è qualcuno vicino a me? Mi sposto lenta dentro l’uovo. Sono sicura che vicino a me ci sia un altro. “Ehilà! Mi sentite?”. “Ehilà, sì. Rompi il guscio! Io sono già fuori, qui siamo in tre”.



Esco anch’io. Fa caldo ed è buio pesto. Ci hanno messo in un locale a 32 gradi costanti. Perciò dovremmo essere tutte femmine. I maschi si sviluppano a temperature inferiori. Siamo tre, ma una sorellina, dopo pochi giorni, non ce la fa. La troviamo con il guscio sottosopra, qualcosa è andato storto… Noi due siamo state fortunate. Un uovo, che mai si aprirà, è  marcio, affermano Davide e Simona, i due fratelli che ci hanno salvato la vita. Non saremmo mai nate se loro non ci avessero costruito un’incubatrice artigianale. Fortunatamente, una loro amica, ha trovato le uova in un posto dove mai si sarebbero schiuse, le ha avvolte in un maglione di lana e gliele ha portate sapendo che loro si sarebbero dati da fare. In questi casi un’incubatrice artigianale è indispensabile. Così hanno comperato una scatola di polistirolo (quelle che si usano per conservare le mele), dove hanno inserito due bacinelle – una piccola riempita di sabbia e una grande contenente l’acqua. In quella grande ci hanno sospeso quella piccola in modo che la bacinella con la sabbia restasse sommersa qualche centimetro nell’acqua. Nella sabbia hanno appoggiato le uova badando a non capovolgerle. È molto importante che le uova non si girino, ma si mettano nella sabbia nella posizione in cui sono state trovate. Con un controllo continuo della temperatura e dell’umidità del locale, e aggiungendo sempre acqua quando evaporava dalla bacinella, dopo circa 55 giorni le nostre uova hanno iniziato a schiudersi. Una grande soddisfazione per Davide e Simona, che hanno assistito alla nostra nascita»

Volete farci conoscere il vostro animale da compagnia?

Scrivete a:
Redazione Cooperazione,
Animali, casella postale 2550,
4002 Basilea

oppure per email:
cooperazione@coop.ch

Torna al menu «Animali»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****