«Io, obbligato a fare vacanza»

Danza sul ghiaccio: Carlo Röthlisberger e la sua nuova partner Victoria Manni non andranno ai Mondiali. Ma la coppia non molla.— di PATRICK MANCINI          

La danza sul ghiaccio è questione di dettagli. Quelli che non hanno permesso a Carlo Röthlisberger, e alla sua partner Victoria Manni, di staccare il biglietto per i Mondiali di Helsinki. E ora per la coppia, che rappresenta i colori rossocrociati, è tempo di vacanze forzate. «Siamo stati imprecisi in alcuni passaggi – dice il 22enne ticinese –. In questo periodo mi concentrerò sui miei studi in geografia, a Milano. Un giorno vorrei occuparmi di urbanistica».
Proprio a Milano, Carlo ha conosciuto Victoria, sua coetanea, studentessa di diritto. Da qualche mese Victoria ha preso il posto di Valentina Schär al fianco dell’atleta cresciuto nel Club pattinaggio Bellinzona. «Valentina ha dovuto mollare per ragioni di salute – ricorda Carlo –. Con Victoria il feeling è forte, in particolare nel libero. Abbiamo fatto bene al campionato svizzero assoluto di Lucerna, abbiamo portato a casa un podio da Budapest. E ci siamo comportati discretamente anche agli Europei a gennaio». Intanto, però, alla coppia è sempre mancato quel qualcosa in più per potere raggiungere il punteggio minimo sinonimo di accesso al Mondiale. «Dobbiamo migliorare nella short dance», dice Carlo.
I due si allenano al Forum di Assago. Ogni tanto anche sul ghiaccio della Resega, a Lugano. «A settembre riprenderemo a fare sul serio. Io sto già pensando ai prossimi Europei e Mondiali. Riusciremo a decollare».

FOTO: Mélanie Türkiylmaz

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
martedì 07.03.2017, ore 06:30


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?