«Per noi è proibito avere paura»

Slopestyle: Mirko e Claudio Farei-Campagna, fratelli leventinesi hanno un sogno. Partecipare agli X Games negli Stati Uniti. — di PATRICK MANCINI          

Si lanciano lungo il pendio con gli sci ai piedi. Fanno evoluzioni da brividi attorno a strutture di ferro. Sono gli amanti dello slopestyle, variante del free­style, diventata di recente disciplina olimpica. A praticare questo sport a sud delle Alpi, sono soprattutto Mirko (19) e Claudio (23) Farei-Campagna, due fratelli di Chironico. «Ci vuole pelo sullo stomaco» dice Mirko. «E a noi non manca» gli fa eco Claudio.
Nel cassetto i due fratelli leventinesi hanno un sogno. Proibito, ma non troppo. «Quello – spiega Mirko – di partecipare un giorno agli X Games negli Stati Uniti. È una competizione di alto livello». «Ci speriamo – ammette Claudio. – Sappiamo che a queste gare si presentano veri mostri sacri. Nel frattempo disputeremo qualche gara internazionale. E a gennaio faremo una spedizione in Antartide, con l’alpinista estremo Luca Colli».
Vita particolare quella dei fratelli Farei-Campagna. Nella bella stagione lavorano. Mirko è muratore, Claudio aiuto contadino. E in inverno, con i soldi guadagnati, praticano sport. «Lo scorso anno abbiamo fatto quattro mesi intensivi a Laax – conferma Claudio. – Tra qualche mese, invece, andremo a Livigno». Salti fino a 25 metri, acrobazie. E anche qualche spavento. «La paura te la devi levare subito – sostiene Mirko. – Gli incidenti si evitano grazie al costante allenamento. Impari a cadere nel modo corretto. E a capire fino a che punto puoi spingerti».

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
lunedì 14.11.2016, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?