«Squallor» di Fabri Fibra

MUSICA — È uno dei veterani del rap italiano. Amato e odiato, controverso e controcorrente.

A 38 anni Fabri Fibra si toglie più di un sassolino dalla scarpa e sorprende con un disco uscito all’improvviso, prima in digitale e ora in cd. Niente promozione né interviste. Il titolo, Squallor, mantiene quel che promette: nei 21 pezzi in scaletta (un’ora e mezza di musica!) Fibra descrive lo squallore intorno a noi senza mezze misure.

I suoni sono cupi, taglienti, ossessivi, nessuna concessione al pop e alla melodia facile. Con lui ospiti di rango, da Gue’ Pequeno a Salmo, e una produzione di taglio internazionale. I testi sono pugni nello stomaco, a volte discutibili (Troie in Porsche), ma spesso azzeccati nella lucida disanima di un mondo allo sbando. Ecco l’altra faccia, sporca e violenta, di Milano (E tu ci convivi); la denuncia della commercializzazione del rap (Il rap nel mio paese); il sempiterno potere dei soldi (E.U.R.O.). E molto altro ancora. Un disco tosto, che piacerà agli integralisti del rap e metterà a disagio le anime più candide. Ma questo è Fabri Fibra, prendere o lasciare.

ARTICOLI PRECEDENTI

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Diego Perugini

Foto: mad (messa a disposizione)

Pubblicazione:
giovedì 30.04.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?