Marble, pesciolino tutto pepe

La parola allo scalare, capogruppo del suo acquario. Scarica il pdf con i consigli dell'Ufficio federale di veterinaria.— AMELIA VALSECCHI JORIO

Possedere un acquario  significa allevare con coscienza una specie di animali da compagnia. Per Luana è normale routine. L'acquariofila predilige gli scalari, ciclidi di grandi dimensioni.
Mentre si appresta a distribuire il cibo nel suo acquario, Marble, un grosso scalare (in latino Pterophyllum scalare), si avvicina al filo dell’acqua, seguito da un gruppetto di pesci. Loro sono più timidi, ma altrettanto agguerriti e vogliono accaparrarsi il cibo.  «Forza Luana, lanciaci il cibo che abbiamo fame». Fa la voce grossa Marble, che tira il gruppo. «Mi presento: sono Marble, vivo in questo acquario di 350 litri da quasi tre anni e da poco tempo condivido il mio spazio con altri due scalari, alcuni Otocinclus, un gruppetto di Cardinali e cinque Corydoras. I due Discus: Jack e Rose vivevano con me già da prima del trasloco e siamo gli unici ad essere sopravvissuti».
Sì, perché la famiglia di Marble ha cambiato casa di recente e il trasporto dell’acquario è stato un’impresa piuttosto complicata: anche i pesci d’acqua dolce soffrono i cambiamenti. Gli unici superstiti sono Marble e i Discus, che sono stati affiancati da altri pesci, inseriti gradualmente nell’acquario da Luana. Ma Marble è il più determinato di tutti. «So di essere il più forte e non mi farò sottomettere da nessuno dei nuovi arrivati. Se non ci fossi io, i miei compagni non si muoverebbero di una pinna. Io vivevo qui prima degli altri e per questo comando il gruppo. Se arriva il cibo, mangio per primo e se devo uscire a perlustrare il territorio, guido il branco alla scoperta di nuovi nascondigli tra le piante. Con me, in prima fila, ci sono sempre Blacky e Scarlett: altri due scalari che ogni tanto mi fanno impazzire. Soprattutto Blacky, quando cerca di togliermi il cibo di bocca o mi provoca facendomi andare su tutte le furie».
Nonostante tutto Marble è un buon capogruppo, perché nell’acquario la gerarchia è definita e, grazie a lui, regna la pace e una buona armonia.

Le raccomandazioni per la cura dei propri pesci da acquario dell'Ufficio federale di veterinaria sono scaricabili cliccando qui sotto.

Ecco come prendersi cura dei propri pesci da acquario

Volete farci conoscere il vostro animale da compagnia?

Scrivete a:
Redazione Cooperazione,
Animali, casella postale 2550,
4002 Basilea

oppure per email:
cooperazione@coop.ch

Torna al menu «Animali»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****