La stanza

Claudia Crivelli
ha scritto il 15.11.2017


#denunciamo

In questo periodo è in corso un movimento di denuncia delle violenze nei confronti delle donne mai avvenuto in tale portata in passato: il mondo di Hollywood è scosso da denunce a catena, e anche la politica britannica non ne è uscita indenne.


Proseguire la lettura

Claudia Crivelli
ha scritto il 13.11.2017


Ancora a proposito di cura…

Nella situazione terapeutica, il tempo che paziente e terapeuta si dedicano reciprocamente è di per sé un dono che ha qualcosa di amoroso, una sorta di appuntamento…


Proseguire la lettura

Claudia Crivelli
ha scritto il 06.11.2017


Momenti di cura

Capita, camminando per strada, di incrociare qualche persona malmessa: i vestiti trasandati, il passo strascicato, gli occhi resi fissi dall’uso dei neurolettici. Capita allora che qualcuno accanto a me se ne esca con un risolino imbarazzato e la domanda “...è un tuo paziente?”. Non lo è mai.


Proseguire la lettura

Claudia Crivelli
ha scritto il 23.10.2017


Il percorso della donna

Ho riletto dopo molti anni il saggio (del 1951) di Esther Harding, psicoanalista junghiana, "La strada della donna", e l'ho trovato ancora attualissimo, anzi necessario. La strada della donna è differente da quella dell'uomo, ed è del tutto inutile se non dannoso che ci affanniamo a percorrere gli stessi sentieri dei nostri amici uomini. Loro percorrono il lato della selezione, noi quello dell'inclusione. Loro sono uguali a noi in capacità, intelligenza, forza e profondità, ma il loro modo di arrivare alla meta è differente dal nostro. Noi ci fermiamo, ci appoggiamo le une alle altre, siamo alle prese con la nostra sacralità che ci chiama a scelte coraggiose, non sempre evidenti neppure a noi stesse. Loro sono sacri nel loro essere, noi nel nostro adattarci e mutare.


Proseguire la lettura

Claudia Crivelli
ha scritto il 16.10.2017


Parliamo di tenerezza

Sono contenta del Nobel a Kazuo Ishiguro: contenta che la forma letteraria del romanzo sia premiata, e mi ripropongo di rileggere per la terza volta "Quel che resta del giorno", ma oggi vi voglio parlare del libro di una teologa dal titolo "Tenerezza. La rivoluzione del potere gentile" (Ponte alle Grazie, 2017).


Proseguire la lettura


Abbonarsi a questo blog:

Abbonarsi via e-mail:
Per favore correggete il vostro indirizzo e-mail


Per favore confermare


LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione