Bon Jovi: «Burning bridges»

È un album particolare nella storia dei Bon Jovi, uno dei gruppi rock più famosi al mondo, con oltre 100 milioni di copie vendute. — Diego Perugini

Perché Burning Bridges segna la fine del trentennale sodalizio con l’etichetta Mercury: un addio non proprio sereno, come testimonia la «title track», vivace country corale dal testo acido e risentito verso i propri (ex) discografici. È anche uno dei pezzi migliori di un lavoro di transizione, che lo stesso leader Jon Bon Jovi ha definito «per i fan», rimandando alla primavera del 2016 per il vero nuovo cd.

Non a caso Burning Bridges offre poche novità, come il possente inno We Don’t Run, nel classico stile enfatico della band, assieme a una manciata di vecchi brani mai pubblicati prima e ripescati per l’occasione. Il tipico disco di fine contratto, ma con qualche spunto non trascurabile come la ballata drammatica A Teardrop To The Sea, il rock tagliente I’m Your Man e la melodica Saturday Night Gave Me Sunday Morning. Saranno anche «scarti», insomma, ma di gran classe.

ARTICOLI PRECEDENTI

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione

Testo: Diego Perugini

Foto: mad (messa a disposizione)

Pubblicazione:
domenica 30.08.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?