Mary Karr è nata in Texas (USA) nel 1955. (FOTO: Alamy)

Vite al limite di persone scombinate

“Il club dei bugiardi” di Mary Karr, edizioni e/o: romanzo magistrale su una famiglia americana disperata e felice, con gli ideali che cadono a pezzi. Ma che prova a sopravvivere. — GIANNI BIONDILLO

L’intera opera di Mary Karr sembra dimostrare la semplicistica teoria di ogni scrittore improvvisato: ognuno ha una storia necessaria, urgente, da raccontare. La propria. Certo, si potrebbe replicare: bisogna aver vissuto una vita interessante. E quella raccontata in questo memoir, Il club dei bugiardi (edizioni e/o – trad. Claudia Lionetti), lo è: una famiglia scombinata, un padre operaio contaballe e rissoso, una madre da un passato sconosciuto e un presente fatto di alcolismo e depressione, uno scenario desolato (Leechfield, cittadina petrolifera di indicibile squallore), un’infanzia fatta di abusi sessuali, risse, pregiudizi, con unico baluardo Lecia, la sorella di soli due anni più grande. Eppure nemmeno questo basterebbe. Conosco persone che hanno vissuto vite altrettanto complicate, se non addirittura più devastanti. La stessa Mary Karr, dopo il successo incredibile avuto con questo libro, racconta delle centinaia di lettere ricevute che mettono a nudo storie altrettanto al limite. L’autrice, in realtà, con questo libro magistrale dimostra che è sempre e comunque la scrittura che fa la differenza, con, in più, il dono di una memoria elefantiaca: ricorda tutto della sua infanzia, persino i particolari più marginali. Leggendo ci si immerge nella vita di quella bambina, si fa esperienza degli odori, i sapori, i colori. Karr scrive con onestà ammirevole, non nega nulla, nulla nasconde: anche le piccinerie, le vigliaccherie, i capricci. E, cosciente che anche una memoria così solida può fallire, non nega a chi legge i buchi, i vuoti del suo passato, disegnando nel complesso un ritratto di traboccante umanità.

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

Dati richiesti (bin nicht ganz sicher)

 


Scelta sbagliata

 


Scelta sbagliata

* Obbligatorio

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione