"Itpop", ecco i migliori

Da Calcutta a Thegiornalisti, da Lo Stato Sociale a Coez, il nuovo pop italiano, partito dal basso e dal passaparola dei fan, è vitale e intrigante. Tra melodie, ritmi e scrittura d’autore. DIEGO PERUGINI

Il nome più forte del momento è quello di Calcutta. Un ragazzo di Latina, Edoardo D’Erme, che nel giro di poche stagioni è passato da artista di culto a fenomeno di massa. Tanto che ad agosto, il 6, si esibirà nella storica Arena di Verona. È la punta di diamante del nuovo pop italiano (“itpop” per gli addetti ai lavori), un genere partito dal basso, dalle etichette indipendenti e senza la spinta promozionale delle major.

Una curiosa immagine di Calcutta, alias Edoardo D'Erme.

Cresciuto su internet e nei concerti grazie al passaparola dei fan, spesso molto giovani, attirati da una proposta antica e moderna al tempo stesso, che guarda alla lezione dei classici (da Battisti a Dalla fino a Luca Carboni) con suoni e linguaggio contemporanei. Poesia del quotidiano, paturnie amorose, rime inattese e melodie avvincenti, che ritroviamo per esempio in brani come Orgasmo, Pesto e Paracetamolo, singoli vincenti (e video molto efficaci) di Calcutta, tratti dal nuovo cd Evergreen.

Canzoni con numeri milionari di visualizzazioni e streaming, in apparenza semplici, ma dotate di quel “quid” che fa sì che ti si appiccichino addosso e ti ritrovi a cantarle/ascoltarle senza soluzione di continuità. In più, ci si mette lui, Calcutta. Antidivo un po’ scostante, che non ama le interviste e le comparsate in tv, si veste (apparentemente) come capita e gestisce al suo meglio l’incalzante successo piovutogli addosso.

Il pioniere del nuovo pop

Non è l’unico, però, e nemmeno il primo. In molti vedono come pioniere del nuovo pop italiano Tommaso Paradiso, leader dei Thegiornalisti, che hanno sbancato le classifiche con l’album Completamente Sold Out, riempiendo il Palalottomatica di Roma e il Forum di Milano.

L’anno scorso, con Riccione, hanno dominato l’estate, per il 2018 puntano sulla dolcezza di Questa nostra stupida canzone d’amore, con un video intorno ai 23 milioni di visualizzazioni. E per l’autunno, come vere popstar, hanno in programma un tour nei più grandi palazzetti d’Italia. «Il motivo del nostro successo? Abbiamo portato qualcosa di diverso – spiega Paradiso –. Da una parte c’erano i cantautori classici, dall’altra la musica radiofonica tutta uguale. Noi abbiamo riempito un vuoto, fatto da apripista al nuovo pop e portato l’indie a un altro livello».


Tommaso Paradiso, leader dei Thegiornalisti.

Addirittura a Sanremo sono approdati, invece, i “regaz” bolognesi di Lo Stato Sociale, secondi a sorpresa con l’irresistibile Una vita in vacanza. Anche loro indipendenti, nati dal basso e con uno zoccolo duro di fan che li segue sin dagli inizi, nel 2009. Hanno uno stile più scanzonato e irriverente, con frequenti (e ironici) riferimenti all’attualità socio-politica. «I nuovi metodi di fruizione musicale hanno cambiato le regole, ora i media non impongono più i gusti alla gente – aggiungono –. Speriamo che l’indie prenda il posto dei nomi consolidati, ma senza perdere la propria identità per il gusto del successo. Bisogna tenere sempre gli occhi aperti sul mondo. E raccontarlo per bene». Intanto affrontano la stagione più calda dell’anno con un tour e un singolo, Facile, che mescola suoni anni Novanta e scrittura d’autore.

I "regaz" bolognesi di Lo Stato Sociale, secondi a Sanremo 2018.

Una manciata di artisti
E se l’itpop v’intriga, approndite il discorso (e l’ascolto) con una manciata di artisti che vi raccomandiamo. L’ex rapper Coez (La musica non c’è è un gioiellino); l’emergente Gazzelle con la ballabile Meglio così; il mix fra pop d’autore ed elettronica da club di Cosmo; la struggente malinconia di Frah Quintale in Floppino. E, ancora, Galeffi, Coma_Cose, Willie Peyote, Carl Brave X Franco 126, Giorgio Poi, Colombre, Ex Otago. E la storia, statene certi, continuerà.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?