This presentation requires the Adobe Flash Player. Get Flash!

La riunione formato
... megafamiglia!

Matasci, Pedrazzini, Cereghetti… Sono i nomi di alcuni dei più grandi «clan» della Svizzera italiana. Ma hanno anche un’ altra cosa in comune: i loro incontri... Guarda il video!

Sonogno, dove nasce il fiume Verzasca. È qui che il 3 agosto si sono riuniti tutti i Matasci del mondo. E d’un tratto il piccolo paese di un’ottantina di abitanti ha visto quadruplicare la sua popolazione. «Il primo raduno dei Matasci risale al 1974 – racconta Alan Matasci, del comitato che ha organizzato l’evento – e oggi siamo quasi in 300, ben oltre le nostre più rosee aspettative». Ma quello dei Matasci è solo l’ultimo di vari «megaritrovi» per famiglie ticinesi. Nel 2011 i Cereghetti di tutto il pianeta si sono dati appuntamento al mercato coperto di Mendrisio. Erano in 350: «Il nostro è un cognome tipico, originario dalla valle di Muggio – racconta Giorgio Cereghetti, uno degli organizzatori –. Abbiamo avuto ospiti provenienti anche da Francia, Belgio e persino quattro dall’Argentina...».


Guarda il video nella nostra webtv »

http://www.cooperazione.ch/article37330?firstProjectID=5472


Guarda il video per tablet e smartphone »

http://paperlit-videos.s3.amazonaws.com/cooperazione/524b34ccd1c08/matasci_v2.mp4


Dietro a questi eventi c’è molto volontariato e parecchio entusiasmo vissuti come rari e irripetibili. Tranne forse che per i Pedrazzini, che hanno «schierato» in campo tutte le forze necessarie per organizzare un meeting ogni quattro anni.«In realtà l’ultimo incontro risale al 2007 – racconta Benedetto Pedrazzini, presidente del comitato organizzativo –. Normalmente i nostri raduni “classici” si tenevano a Cevio o a Campo Vallemaggia, ma quello di otto anni fa si è svolto a Tenero, un luogo decisamente più facile da raggiungere, soprattutto per gli anziani e per le famiglie con neonati… Sono comunque sempre ben frequentati, sulle 200 persone ogni volta». La famiglia Pedrazzini, che vanta un’associazione apposita con tanto di segretaria, ha redatto un albero genealogico professionale (pubblicato dalla loro tipografia sotto forma di classificatore) con tanto di schede aggiornabili. «Il prossimo raduno sarà organizzato nei prossimi anni. Per il momento è tutto un po’ fermo, ma abbiamo acquistato un dominio web che vogliamo usare per aggiornare il nostro albero».

1 von 3


Il raduno Matasci quest'estate a Sonogno

La foto di gruppo all'ultimo raduno dei Pedrazzini

La foto di gruppo all'ultimo raduno dei Cereghetti


Ma quali sono gli «ingredienti» per una festa di famiglia perfetta? «Animazione, gioia e voglia di rivedersi e di conoscere gente nuova – racconta Giorgio Cereghetti –: per il nostro raduno abbiamo scritto una canzone dedicata alla famiglia, una sorta di inno, che durante la giornata è stato poi suonato nel repertorio di una banda tutta di... Cereghetti». Anche l’allegria e soprattutto la buona cucina tradizionale ticinese non sono mancati alla festa dei Matasci.  Con un catering professionale a suon di polenta e brasato, che ha deliziato pure i palati degli ospiti americani Debra, Frank e Nancy: «Sì, è un posto fantastico e abbiamo potuto trovare parenti che non pensavamo nemmeno esistessero», racconta Debra. «Non siamo mai stati qui, anche se fin da piccoli ci hanno raccontato delle nostre origini qui tra le montagne, della vita dura e dell’emigrazione negli Stati Uniti nei tempi difficili», fa eco Frank Matasci. Tutti e tre provengono da Santa Barbara, California. Anche Nancy è molto affascinata da Sonogno e dal Ticino: «Qui è molto bello, torneremo di sicuro! – esclama entusiasta – possibilmente anche con mio padre e tutta la famiglia», conclude.

«Sì, in effetti per chi si appassiona di genealogia, concretizzare un grande appuntamento con tutti i parenti è come un sogno che si avvera – dice Cereghetti –. Con la possibilità di aggiornare e verificare i propri dati “sul campo” con i diretti interessati». Fa eco Ronald Willemse, altro organizzatore del raduno Matasci, oltre che segretario della Società genealogica della Svizzera italiana: «In questi giorni ho potuto inserire una decina di nuovi nomi – dice mostrando fiero il frutto di diversi anni di lavoro nelle gigantografie della casata appese alle sue spalle –. Questi sono i tre rami della famiglia Matasci; la prima traccia risale al 1597 in un registro di Sonogno. Ad oggi abbiamo 14 generazioni documentate, per un totale di circa 550 Matasci, ma se dovessimo includere chi è legato ma non porta il nome, arriveremmo a superare anche i 1.500...», conclude.

«È una bella festa – racconta Mario Matasci, 82 anni. Uno dei personaggi più conosciuti della famiglia – mi sono sempre occupato di vini, e da quando sono in pensione di arte. Penso che queste siano delle occasioni da ripetere, e spero non fra quarant’anni!», esclama ridendo.

Luca Bertossa, responsabile delle inchieste federali fra i giovani

Luca Bertossa, responsabile delle inchieste federali fra i giovani
http://www.cooperazione.ch/La+riunione+formato_+megafamiglia Luca Bertossa, responsabile delle inchieste federali fra i giovani

«I giovani stanno tornando ai valori tradizionali»

Secondo Luca Bertossa, responsabile delle inchieste federali fra i giovani, la famiglia negli ultimi anni è di nuovo la vera protagonista.

Cooperazione: Sembra che i raduni familiari in «formato mondiale» riscuotano sempre grandi successi...
Luca Bertossa: Sì, a giudicare dalle riunioni organizzate da Pedrazzini, Cereghetti e l’ultima dei Matasci quest’estate… fra l’altro anch’io ho fatto parte di un raduno dei Bertossa, anni fa nei dintorni di Poschiavo. Di sicuro non si tratta di un fenomeno recente, tuttavia questi eventi mi fanno pensare a una tendenza a cui, come ricercatori, stiamo assistendo con non poche sorprese negli ultimi quattro o cinque anni.

Quale sarebbe?
L’aumento di giovani che mettono la famiglia al primo posto nella loro scala di valori. Vent’anni fa gli amici venivano prima dei parenti...

Anziani e giovani a braccetto?
Sembra che i raduni familiari raccolgano più entusiasmo da parte di persone anziane, già in pensione e dai giovani, non ancora presi da impegni di lavoro e di famiglia.

C’è anche un contesto tutto nuovo...
Sì, da un lato Facebook, che sfrutta lo stesso principio, riunire persone che si conoscevano in passato. E poi la rete di trasporti globale permette alle famiglie di avvicinarsi con più facilità rispetto al passato.

L’associazione: da 80 anni sull’albero

L’appuntamento è nel weekend del 12-13 ottobre a Berna, dove la Società svizzera di studi genealogici festeggia i suoi 80 anni. In programma una dozzina di conferenze e un grande showcase di associazioni genealogiche e araldiche della Svizzera ed estere. Tra gli stand ci sarà pure quello della Società genealogica della Svizzera italiana. Una manifestazione da non perdere per tutti gli appassionati, anche perché si potranno conoscere nuovi prodotti servizi nel campo della genealogia. L’evento sarà allestito al Kulturcasino di Berna.
Per info
www.sgffweb.ch

Testo: Jona Mantovan

Foto: Massimo Pedrazzini


Pubblicazione:
martedì 24.09.2013, ore 00:00