Il terrore dei ragni si vince così

Panico, ansia. Piccoli animali che fanno paura. Ecco come si può andare oltre le proprie fobie. - Amelia Valsecchi Jorio

La scatola di plastica trasparente è ben sigillata. Al suo interno qualche rametto secco, una mosca morta e un capolavoro di intrecci infiniti: la ragnatela di Ludovica.

«Mi chiamo Ludovica. Sono una femmina di tegenaria o ragno delle case. Forse, pronunciando il mio nome, non vi spavento più. Il mio corpo è tozzo e ben sviluppato e le mie otto gambe mi portano a fuggire in fretta dal pericolo. Françoise Liloia*, coach di desensibilizzazione per ragni e serpenti e mia amica, lo sa bene. Sono nata nel suo giardino e il mio grande compito è quello di vivere nel terrario di casa sua, per essere impiegata come “ragno da lavoro”. Sembrerà strano, ma grazie a me, diverse decine di persone che avevano la fobia dei ragni, ora non hanno più paura. Una di queste è Mabel, che sin da piccola temeva i ragni e non riusciva a chiudere occhio se uno di noi penzolava dal
soffitto della sua camera. Da grande poi, la situazione è peggiorata. Se in camera di uno dei suoi figli si trovava un ragno, lei non riusciva a varcare la soglia e doveva chiamare qualcuno in suo soccorso. Finché un giorno, ha scoperto i corsi di Françoise Liloia, appassionata di ragni, e ha deciso di frequentarne uno. Il nostro approccio è stato piuttosto difficile. Quando Françoise ha aperto la scatola, aveva già preparato Mabel e il resto del gruppo spiegando bene quali sono le nostre caratteristiche fisiche, specificando che i nostri denti sono così piccoli che difficilmente riescono a trapassare la pelle di un essere umano. E, dopo un po’ è riuscita a fare in modo che io uscissi dalla mia scatola di plastica trasparente e salissi sulla mano di Mabel. All’inizio sentivo che lei era nervosa, e anch’io mi sono spaventata cercando di fuggire arrampicandomi più volte sulla manica del suo maglione, ma poi, quando lei ha iniziato a riprendere colore e a smettere di sudare, mi sono appoggiata nell’incavo della sua mano per farmi osservare. Così, Mabel ha superato la sua fobia. Oggi partecipa con me e Françoise alle lezioni di desensibilizzazione di gruppo e spiega a tutti che la paura dei ragni può essere superata senza doverla subire per tutta la vita». È un grande successo, tanto per Françoise quanto per Mabel, che ora, quando vede un ragno penzolare dal soffitto, non ha più il panico.

* Françoise Liloia è anche specializzata nel lavoro di desensibilizzazione con i bambini. Nelle scuole tiene i corsi: “Conoscere i ragni” e “Conoscere i serpenti”. Contatti: sigiodi@bluewin.ch, oppure telefonando allo 079 280 25 24.

Avete delle domande sugli animali da compagnia?

Scrivete a:
Redazione Cooperazione veterinario,
casella postale 2550,
4002 Basilea

oppure per email:

cooperazione@coop.ch

Torna al menu «Animali»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione