Nannini: un amore "Gigante"

Un album lussuoso e ben confezionato, con collaboratori nuovi e altri già collaudati. Ma i fan della cantante più rockettari ci resteranno un po’ male... — DIEGO PERUGINI

Il titolo, "Amore Gigante" (Sony), non lascia molto spazio all’immaginazione. Di cosa parlerà il nuovo cd di Gianna Nannini? Avete indovinato: d’amore. Un sentimento universale e declinato in tutte le sue sfumature, amarezze e dolori inclusi. La cantante italiana tiene a ribadire la sua condanna verso barriere e pregiudizi, ben riassunti in quel “l’amore non ha sesso” che campeggia nell’arioso pezzo che dà il titolo al disco.
Un album lussuoso e ben confezionato, con collaboratori nuovi e altri già collaudati, dove spicca il produttore Michele Canova col suo tipico (e un po’ inflazionato) tocco elettronico. I fan della Nannini più rockettara ci resteranno un po’ male: perché il suono ha un forte sapore pop, irrobustito da una voce in gran spolvero. Non mancano i bei momenti: dall’ironia rock di L’ultimo latin lover alla melodia vincente del singolo Fenomenale. Ma il meglio è Piccoli particolari, intrigante e giocosa, con un arrangiamento a cinque stelle.  

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?