Diuretica e digestiva, l’uva aiuta a depurarsi dopo le abbuffate autunnali.

Oltre il vino c’è di più

Uva da tavola — Non tutte le uve devono finire in bottiglia. Spiluccate dopo i pasti o protagoniste di innovative ricette, danno un tocco autunnale alla tavola.

La vendemmia è cominciata qualche settimana fa, tra discussioni e incertezze. Prima sono state prelevate le uve bianche dei terreni in pianura e via fino ai vigneti dei terrazzamenti più nascosti. In Ticino quasi tutto il raccolto è trasformato in vino e grappa. Un tempo, a ridosso della raccolta d’autunno, si svolgevano le sagre dell’uva (da cui è nata quella di Mendrisio) durante le quali gli agricoltori esponevano e vendevano i frutti. Le varietà ticinesi hanno acini piccoli, ideali per la vinificazione ma poco adatte al consumo diretto. In Puglia e in Sicilia invece vi sono grappoli di ogni colore e dimensione, perfetti da gustare freschi, come la Vittoria o la XXL Red Globe. Hanno una buccia più sottile rispetto alle varietà da vino, sono dolci, compatte e con vinaccioli (semi) molto piccoli. 

Alle nostre latitudini l’uva da tavola per eccellenza è l’Americana, che per profumo e aromaticità ha pochi rivali, ma la sua buccia spessa e i vinaccioli grandi incoraggiano i bambini a mangiare in maniera poco affine al galateo. Per via di queste differenze, alcune uve danno il meglio spiluccate e mangiate direttamente dal grappolo, mentre altre sorprendono in padella: le note acidule ma dolci delle uve Moscato, ad esempio, armonizzano la selvaggina e danno carattere ai crostacei. 

Decantata come elisir di bellezza dalle muse greche, la chimica moderna ha dimostrato che l’uva è un’alleata della pelle sana, della buona digestione (leggermente lassativa) e dello sviluppo cellulare, grazie all’elevata presenza di acido folico. L’alto contenuto d’acqua (circa l’80%) la rende un frutto diuretico e per questo vi è anche un’omonima dieta che sfrutta sue varie proprietà depurative.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Elisa Pedrazzini

Redattrice

Fotografia:
Ferdinando Godenzi
Styling:
Marianne Ettlin
Pubblicazione:
martedì 08.10.2013, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?