Nobile steppa

VINO

0

Nobile steppa

Perché comprare un vino rosso austriaco? Perché, per esempio, si abbina alla perfezione con il fegato alla veneziana ed è “fuori dagli schemi”.

TEXT elisa pedrazzini
Kung fu girl

VINO

0

Kung fu girl

TEXT elisa pedrazzini
Prestin d’altri tempi

PANE

0

Prestin d’altri tempi

Il gesso per scrivere alla lavagna in una mano, un pacco di farina nell’altra. Vi presentiamo un maestro con il pallino per i forni a legna.

TEXT elisa pedrazzini
Cantina Gialdi

ORIZZONTI

0

Cantina Gialdi

I giorni di vendemmia sono fatti di uve, chiacchiere, aspettative, tempismo, corsa alle cassette... Alla Cantina Gialdi, padre, figlia, enologi, cantinieri e oltre trecento viticoltori, dimostrano che la forza di un vino di successo sta soprattutto nella collaborazione.

TEXT elisa pedrazzini
kiwi

MANGIARE & BERE

0

kiwi

Cosa hanno in comune gli abitanti della Nuova Zelanda, un mini-emù dal becco lungo e un frutto cinese? Ma certo, il nome!

TEXT elisa pedrazzini
cinque autoctoni

VINO

0

cinque autoctoni

A metà anni ‘90 i vitigni internazionali conquistavano il mondo. L’eno-giornalista Hugh Johnson suggerì a Farnese di usare solo uve autoctone: fu un gran successo.

TEXT elisa pedrazzini
Naret

FORMAGGIO D’ALPE

0

Naret

Gli ingredienti del formaggio d’alpe Campo la Torba non sono solo latte di vacca e capra, ma anche pioggia, fiori di montagna e una dedizione centenaria che si tramanda di padre in figlio.

TEXT elisa pedrazzini
terres truffes

VINO

0

terres truffes

Un vino elegante che affonda le radici tra i tartufi ai piedi del Mont Ventoux, famosa tappa di montagna del Tour de France.

TEXT elisa pedrazzini
escursioni

ORIZZONTI

0

escursioni

Concedetevi qualche giorno per staccare la spina con un breve viaggio autunnale in Svizzera. Le proposte dei redattori di Cooperazione per scoprire alcune perle turistiche.

TEXT natalia ferroni
La stagione della selvaggina

MANGIARE&BERE

0

La stagione della selvaggina

La caccia vista da chi se ne appassiona, ma non imbraccia un fucile. Un grande interesse che nella famiglia Pronzini si tramanda da generazioni.

TEXT elisa pedrazzini