X

Argomenti popolari

L'ANGOLO DI ARMANDO

Bruciare le corsie

20 dicembre 2019

Dategli una vasca dove tuffarsi, e il cloro che devasta lo trasforma in oro. L’acqua lo rende felice, in essa si sente protetto. La coccola e si fa coccolare. Le parla e scivola via veloce dove ancora fino a pochi mesi fa non si pensava fosse possibile. E invece le Olimpiadi di Tokyo della prossima estate, già lo stanno chiamando. Che Noé Ponti fosse un fenomeno lo si sapeva. Che potesse migliorarsi così tanto e in così poco tempo no. Il 18enne di Gambarogno sta bruciando le corsie. È in costante sorpasso su sé stesso e i suoi tempi migliori. Un secondo abbondante tra 50, 100 e 200 delfino. Che è la sua specialità. Dove scatena un galleggiamento naturale che va oltre fisico, forza e muscoli. Su quelli ci deve ancora lavorare, ma tempo ce n’è e nessuno gli metterà pressione per fare altre scelte. Tipo lasciare la scuola, il liceo, per spingersi nel regno della fretta che non gli appartiene. E allora se non sarà nel 2020, di sicuro a Parigi, fra quattro anni e un po’, sarà poropopo.