X

Argomenti popolari

L'ANGOLO DI ARMANDO

Il Roger inceppato

16 settembre 2019

Spero di sbagliarmi, ma in una piega del cervello frulla una cosa che non mi piace.Che mi riporta al 1989 quando Laurent Fignon perse all’ultimo respiro un Tour de France che già aveva vinto. Come Roger Federer che a Wimbledon, lo scorso mese di luglio, si è ritrovato avvolto nella notte in pieno giorno. Lo stesso buio profondo dal quale Fignon non è più uscito. Incapace di ritrovare l’equilibrio psico-fisico perso in quel giorno maledetto lungo i Campi Elisi. E se capitasse anche a Federer? L’erba londinese si è fatta grigia come il cemento di New York, dove il basilese si è di nuovo inceppato. Ma mica sul più bello, visto che il sereno è sempre rimasto intrappolato nelle nuvole. Sarà stato il mal di schiena. La luna storta. Il caso o chissà che. Già in passato, sbagliando, taluni lo avevano dato sul viale del tramonto. Ma mai in passato Federer aveva beccato una randellata di tali proporzioni. E mai i dubbi lo avevano assalito come gli sta capitando ora.