X

Argomenti popolari

ATTUALITà
BANCA CLER

«Ogni franco conta»

Durante l’emergenza sanitaria molte persone hanno speso di meno e ora si chiedono come utilizzare questo denaro. Matteo Bonetti di Banca Cler suggerisce di investirlo, affidandosi però a professionisti.

FOTO
TiPress Pablo Gianinazzi
08 giugno 2020
Matteo Bonetti, 51 anni, responsabile Regione Ticino per Banca Cler.

Matteo Bonetti, 51 anni, responsabile Regione Ticino per Banca Cler.

Quando in primavera il fermo lavorativo totale o parziale ha bloccato alcuni settori economici, anche i consumi sono crollati: la gente ha evitato di spendere, preferendo rinviare molte spese. Banca Cler ha quindi condotto un sondaggio per capire come i consumatori intendano utilizzare il denaro non speso. Mentre un quinto degli intervistati ha dichiarato di voler reimmettere la liquidità nei consumi una volta superata la crisi, la maggioranza pensava al proprio futuro finanziario. «È lodevole», commenta Matteo Bonetti, responsabile Regione Ticino per Banca Cler. «Peccato solo che i piani della stragrande maggioranza delle persone siano poco al passo coi tempi». Il 78% degli intervistati ha dichiarato di voler puntare sul risparmio, mentre previdenza privata e investimento fanno da fanalino di coda.

Il Coronavirus ha inflitto un pesante colpo alle borse. Nei primi giorni della crisi sanitaria le quotazioni si sono ribassate fino al 20%. Non c’è da stupirsi che i consumatori siano più propensi a risparmiare piuttosto che a investire.

In un certo senso sì, ma solo nel breve termine. Quando si investe in borsa, la durata dell’investimento dovrebbe essere calcolata su più anni, se non addirittura decenni. Dopo tre anni, per esempio, la nostra soluzione di investimento “Equilibrata” ha già registrato – a inizio giugno 2020 – un rendimento superiore al 14%, tenendo conto anche dello stallo provocato dal virus. Una percentuale che mai nessun risparmio sarebbe stato in grado di fruttare. E più si guarda indietro, più le soluzioni d’investimento si rivelano remunerative se paragonate ai conti di risparmio.

«Con noi basta un capitale iniziale di un franco».

Matteo Bonetti

Quindi il momento è propizio per investire?

Sì, le flessioni delle quotazioni sono solitamente l’occasione ideale per entrare nel business degli investimenti, poiché sul lungo periodo l’economia tende a riprendersi e le quotazioni in borsa a riguadagnare punti. La storia è piena di esempi di crolli seguiti da periodi di crescita prolungata con buoni guadagni: chi dal 1926 ha investito in azioni svizzere e ha mantenuto i propri investimenti per i dieci anni successivi non ha mai perso denaro, se non durante la Grande depressione dal 1929 al 1931. In tutti gli altri periodi decennali, gli utili hanno di gran lunga compensato le perdite. Lo stesso dicasi per il passato più recente.

Supponiamo che io voglia investire del denaro, ma non conosca i mercati finanziari. Che mi suggerisce?

L’importante è farsi consigliare bene. Ci sono tante formule d’investimento tra le quali scegliere, ma non è detto che siano tutte adatte al suo caso. È fondamentale individuare l’investimento giusto in base alla situazione personale. Questo significa anche aver ben chiaro il rischio che si è disposti a correre, quali rendimenti ci si aspetta e di quanto deve essere la durata dell’investimento. Più lunga è, meglio è.

Fino al prossimo crollo in borsa...

Non necessariamente. Tra i compiti di una consulenza professionale sugli investimenti c’è anche quello di mitigare gli effetti di questo tipo di situazioni. È essenziale mantenere sempre il sangue freddo anche quando la situazione è burrascosa, restando fedeli alla propria strategia d’investimento e non lasciandosi trascinare dall’istinto di vendere. Un investimento può essere scaglionato a più riprese anche in piccole somme. In questo modo si aumentano le opportunità di beneficiare di un prezzo medio d’acquisto più favorevole.

La percezione, fra la gente comune, è che la gestione patrimoniale sia riservata alle persone ricche. Quanto denaro devo investire per trarre vantaggio dalla fase di crescita che lei prevede ci sarà?

Con noi basta un capitale iniziale di un franco. Con le soluzioni di investimento di Banca Cler chiunque può godere dei vantaggi della gestione patrimoniale. Far fruttare al meglio il proprio denaro è importante per tutti e non solo in questo preciso momento storico. E questo è possibile solo con i giusti investimenti; ne siamo convinti. Con tassi d’interesse sul risparmio così bassi, anche ai piccoli investitori conviene investire in soluzioni d’investimento gestite in modo professionale e approfittare così delle opportunità offerte dai mercati finanziari. I presupposti sono un consulente capace e una durata dell’investimento sufficientemente ampia.

Vale anche per gli investimenti sostenibili?

Certamente. Chi vuole investire in chiave responsabile e tenere quindi conto anche di aspetti ecologici, sociali e di etica aziendale, può ottenere sul lungo periodo rendite altrettanto interessanti. Rendita e sostenibilità non sono una contraddizione in termini: l’una non esclude l’altra.