Lamponi, che passione | Cooperazione
X

Argomenti popolari

ATTUALITÀ
LAMPONI

Lamponi, che passione

I lamponi svizzeri saranno sugli scaffali questa estate. Ad Ardon (VS), nella valle del Rodano, l’ingegnera agronoma Adèle Airaud sovrintende a un terreno in fase di conversione alla Gemma di Bio Suisse.

FOTO
VALENTIN FLAURAUD
31 maggio 2021
Cresciuta e formatasi a Montpellier (Francia), Adèle Airaud (43 anni) vive a Martigny (VS) e lavora in Vallese da vent?anni. Ognigiorno controlla i suoi lamponi, qui fotografati l'8 maggio adArdon (VS), per scongiurare un eventuale attacco di afidi.

Cresciuta e formatasi a Montpellier (Francia), Adèle Airaud (43 anni) vive a Martigny (VS) e lavora in Vallese da vent?anni. Ognigiorno controlla i suoi lamponi, qui fotografati l'8 maggio adArdon (VS), per scongiurare un eventuale attacco di afidi.

Attenti agli afidi

Ogni giorno, Adèle Airaud esamina attentamente le piante che temono gli afidi, gli acari e la Botrytis cinerea, il fungo responsabile della muffa grigia, una malattia del lampone. Sul frutto, il moscerino Drosophila suzukii è il più temuto, perché vi depone le uova e ne provoca lo spappolamento. L'agricoltura biologica esclude tutti i pesticidi sintetici e i fertilizzanti chimici. Se necessario, l’esperta Adèle Airaud userà prodotti di origine naturale come il rame e lo zolfo, omologati dall’Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica FiBL.

Lamponi rampicanti

Ad Ardon, nel Vallese, sono stati piantati 6.000 lamponi in piena terra, in 12 serre tunnel a 470 m di altitudine. Si tratta di un terreno di mezzo ettaro, in fase di conversione alla Gemma di Bio Suisse dall’inizio dell’anno. L'ingegnera agronoma Adèle Airaud se ne occupa per la società Pitt’Bio, fondata due anni fa. Quest’estate la Pitteloud Fruits, con sede a Salins nel comune di Sion, venderà i lamponi Mapena alla Coop. Le piante di lamponi di Ardon sono rampicanti: «Ogni inverno vengono tagliate alla base per farle ricrescere dalle radici e produrre nuove piante», spiega il direttore del frutteto. Tempo permettendo e con un po’ di fortuna, le piante di lamponi potrebbero offrire due raccolti.

Sulla diserbatura

Nell’agricoltura bio, la diserbatura è fatta a mano, un lavoro che richiede molta manodopera. La sfida consiste nel lasciare le piante infestanti che non entrano in competizione con i lamponi e nell’estirpare le altre. «Quando si parla di nuove coltivazioni biologiche, bisogna sperimentare: si faranno scelte più oculate. Su questo appezzamento di piante di lamponi, un insieme di fattori rende possibile un metodo di coltivazione biologica con una resa interessante», testimonia Adèle Airaud. Al suolo, per prevenire le malattie dei lamponi, è necessario assicurarsi che l'acqua non ristagni sul terreno.

Piatti salati

L’aceto di vino bianco può essere aromatizzato con i lamponi e usato per condire un'insalata o diluire il fondo di cottura di una salsa calda. Chi ama i sapori agrodolci gusterà con piacere un’insalata, un filetto di salmone, una bistecca al formaggio fresco o uno sminuzzato di fegato di vitello con i lamponi freschi.

Goccia a goccia

È stato installato un sistema di irrigazione a goccia, economico e preciso. Posizionato in modo mirato ai piedi delle piante di lampone; aiuta a prevenire la marcescenza.

Vitamine

I lamponi freschi hanno solo 52 kcal per 100 g. Contengono fibre, vitamina C, vitamina E e acido folico. Da mangiare senza moderazione! Adèle Airaud ama gustarli sulla punta delle dita, come Amélie Poulain...

Dessert

Mixati con un po' di succo di limone e, secondo i gusti, di zucchero, i lamponi freschi vengono passati al setaccio in un delizioso concentrato. È irresistibile per esempio in una ciotola con gelato al fior di latte o al pistacchio, yogurt naturale, ricotta o panna cotta.

Attenzione: punge!

Il lampone fa parte della famiglia delle Rosaceae, come la fragola e il rovo. È un arbusto solitamente ricoperto di spine, quindi state attenti quando raccogliete i frutti! In botanica le tante piccole perle che compongono il frutto sono chiamate drupe. Ognuna di loro è un frutto che si è formato dopo la fecondazione e contiene un piccolo nocciolo, cioè quel semino che sentiamo in bocca quando lo assaggiamo.

Birchermüsli o macedonia

I lamponi, come tutti i frutti di bosco, si abbinano meravigliosamente al birchermuesli, con qualche scaglia di nocciola per un tocco di croccantezza. In una macedonia di frutta, formano uno squisito binomio con la pesca, completato da alcune foglie di menta tagliuzzate. 

Rosa o giallo

Le varietà che mangiamo sono solitamente di colore rosa scuro brillante, ma ci sono anche lamponi con altre sfumature, come il giallo.