In principio fu la luce | Cooperazione
X

Argomenti popolari

ORIZZONTI
SOCIETà

In principio fu la luce

L'invenzione della luce artificiale ha cambiato radicalmente le nostre vite. Solo cent’anni fa, la gente viveva al ritmo della luce del dì e della notte. Oggi invece il nostro orologio interiore si confonde spesso.

TESTO
26 ottobre 2020
Sono finiti i giorni  in cui l'uomo viveva  al ritmo della luce  del sole e delle tenebre.

Sono finiti i giorni in cui l'uomo viveva al ritmo della luce del sole e delle tenebre.

Quando la luce elettrica si accese per la prima volta nella sala da pranzo dell’Hotel Kulm a St. Moritz (GR) la sera del 18 luglio 1879, gli ospiti sobbalzarono dai tavoli elegantemente apparecchiati. Non potevano credere ai loro occhi. Non avevano mai visto niente del genere. Ci furono scene di giubilo. Soprattutto le signore erano entusiaste, perché la luce a gas, che era la più diffusa in quel periodo, faceva brillare i loro volti di un verde malsano la sera. Le nuove lampade invece tingevano le loro guance di un rosa tenue. L’albergatore Johannes Badrutt (1819-1889) aveva visto la luce elettrica all’Esposizione Universale di Parigi e voleva offrire questo spettacolo anche ai suoi ospiti dell’albergo.

In breve

  • Il nostro corpo ha bisogno della luce del giorno, così come ha bisogno di cibo e acqua.
  • La luce non ha solo un effetto visivo, ma influenza anche il nostro umore, le nostre prestazioni e il sonno.
  • Per rimanere in salute, dobbiamo sincronizzare il nostro orologio interno, e la luce fa questo.
  • Oggi abbiamo troppa poca luce di giorno e troppa luce di notte.

Le lampade à la Badrutt divennero molto di moda e nel 1880 illuminarono anche la Festa federale della musica di Zurigo. La Neue Zürcher Zeitung parlò con entusiasmo di “splendore magico e bello”.

La lampada a incandescenza divenne il simbolo della modernità. Deve la sua esistenza a varie menti intelligenti che hanno lavorato al costante miglioramento della luce elettrica nel corso del XIX secolo. Thomas Alva Edison (1847-1931), considerato il vero inventore della luce artificiale, ha migliorato il filamento e ha riconosciuto che le lampade a incandescenza hanno senso solo se collegate a una centrale elettrica e alla rete elettrica.

Toccando l’interruttore della luce, si illumina una stanza. Ciò che 140 anni fa suscitò entusiasmo è dato oggi per scontato. La notte si trasforma in giorno, lavorare, leggere o giocare è possibile in ogni momento della giornata. I nostri ritmi quotidiani si sono emancipati dal decorrere del tempo. La gente passa sempre più tempo in stanze illuminate artificialmente. Ma che effetto ha tutto ciò sulla salute?

La luce scandisce l’orologio interno

Anna Wirz-Justice, professoressa emerita di cronobiologia all’Università di Basilea, è un’importante pioniera in questo campo. Crono significa tempo: la cronobiologia si occupa dell’orologio interno, che ha creato alla distinzione del dì e della notte negli esseri viventi. Il fatto di trascorrere sempre meno tempo alla luce del sole nella nostra vita quotidiana ha conseguenze per il nostro benessere: può infatti causare mancanza di energia e possono aumentare i disturbi del sonno e le depressioni. La cronobiologia dimostra come una maggior quantità di luce influisce positivamente sulle prestazioni, l’attenzione e la concentrazione anche in persone sane. «La dipendenza dell’uomo dalla luce fu a lungo misconosciuta», spiega la professoressa, che ha studiato questo argomento per oltre 40 anni. Fu lei a portare in Svizzera la cronobiologia e la terapia della luce. Dopo un soggiorno presso il National Institute of Mental Health di Washington (USA), la neurobiologa tornò nel 1980 all’ospedale psichiatrico universitario di Basilea e si pose l’obiettivo di introdurre in Svizzera la terapia della luce, appena scoperta negli Usa. «All’inizio pensavano che fossi un po’ pazza», dice oggi sorridendo. Ma riuscì a coinvolgere le più importanti cliniche psichiatriche universitarie svizzere. Oggi la terapia della luce è un rimedio riconosciuto contro la depressione invernale. Per due settimane, i malati stanno seduti davanti a speciali lampade luminose per mezz’ora ogni mattina con gli occhi aperti e a 30 centimetri di distanza, oppure indossano occhiali speciali illuminati per 30 minuti. «E anche chi non soffre di depressione, ma solo di blues invernale, ne trae beneficio», spiega Anna Wirz- Justice. Oltre a ciò, la terapia della luce viene utilizzata anche per i disturbi del sonno.

La luce ti risveglia

15 anni fa, i cronobiologi scoprirono dei fotorecettori speciali nell’occhio. Quando la luce colpisce l’occhio, i fotorecettori la trasmettono all’orologio interno del cervello. La luce del giorno è il timer che riadatta continuamente l’orologio interno. Abbiamo quindi bisogno della luce non solo per vedere, ma anche per osservare molti processi nel corpo. Se l’orologio riceve troppa poca luce, l’interazione è disturbata, il che influenza il nostro umore, la vigilanza, le prestazioni e il sonno. La scienziata dice che questa conoscenza dovrebbe essere messa a frutto e consiglia: «Ogni mattina, uscite all’aperto per almeno mezz’ora per vedere la luce del giorno!».

Il ritratto

Anna Wirz-Justice

Professoressa emerita dell'Uni di Basilea, ha portato in Svizzera la cronobiologia e la terapia della luce.

Oggi l’esperta lavora con progettisti e architetti dell’illuminazione. Consiglia le case di riposo, ad esempio, perché speciali soffitti luminosi possono avere un effetto positivo sul benessere dei residenti: simulano l’andamento della giornata, quindi brillano al mattino e durante il giorno. Di conseguenza, le persone sono più sveglie e fisicamente e mentalmente più in forma, si appisolano meno spesso e quindi dormono meglio la notte.

Addormentarsi e svegliarsi è un campo che tiene molto occupati i cronobiologi. Il fatto che la luce blu degli schermi di computer, TV e cellulari stimoli fortemente i fotorecettori fa sì che chi spesso e soprattutto la sera guarda ancora gli schermi non si addormenti bene. Anna Wirz-Justice raccomanda il software “f.lux”, che la sera converte la componente blu dello schermo in arancione. La regola generale è: meno elettronica c’è, migliore è il tuo sonno.

Per regolare l'orologio interno non è necessaria la luce della discoteca, bensì quella del mattino.

La notte, la follia luminosa

Oggi si assiste al paradosso che gli esseri umani hanno spesso troppa poca luce durante il giorno, mentre di notte c’è troppa luce. Gli esperti parlano di “inquinamento luminoso”. Alcuni astronomi amatoriali americani hanno notato che la luce artificiale proveniente dalle città illumina il cielo notturno in modo così forte che le stelle sono appena visibili. Nel 1988 hanno quindi fondato l’organizzazione Dark Sky. Nel frattempo, in molti Paesi, tra cui la Svizzera, esistono associazioni di Dark Sky che si impegnano a favore di un’illuminazione ecologica e della protezione della notte. «È importante che le luci non si diffondano verso l’alto», dice Lukas Schuler (50 anni), naturalista e presidente di Dark Sky Switzerland. Schuler sottolinea quanto sia importante il buio di notte per la natura. In effetti, l’inquinamento luminoso ha un effetto devastante soprattutto sugli animali. Gli uccelli migratori sono attratti dalle fonti di luce artificiale, perdono l’orientamento e muoiono. È sempre più chiaro che la morte allarmante degli insetti non è solo legata ai pesticidi, ma anche alla troppa luce. La luce disturba la riproduzione delle lucciole, che non si trovano quasi più. Anche i pesci ne soffrono: le larve del pesce pagliaccio, per fare un esempio, non si schiudono in presenza di luce artificiale.

«Uscite all’aperto ogni mattina, esponetevi alla luce!»

Anna Wirz-Justice

Il satellite americano Suomi NPP effettua regolarmente una scansione della superficie terrestre alla ricerca di fonti di luce. I dati mostrano che sempre più luci brillano in tutto il mondo di notte. I punti luminosi sulla mappa si stanno diffondendo, e nelle grandi città la notte è quasi scomparsa. Il divieto delle lampadine del 2009 non ha attenuato il problema. Anche se le luci a Led consumano molta meno energia sotto forma di calore, né il consumo di elettricità né l'intensità della luce sono in calo: più è economico, più luci ci sono.

L’inquinamento luminoso aumenta anche intorno alle città svizzere: per vedere la Via Lattea bisogna andare in montagna. Quindi è giunto il momento di seguire i consigli di Lukas Schuler e di utilizzare un’illuminazione esterna meno potente e una luce più calda – o anche di fare a meno della luce per una volta. Dopotutto, è anche bello stare al buio.


Luce e illuminazione nel corso del tempo

Fuoco aperto

L’accensione del fuoco è una conquista culturale, che già dall’Età della pietra, a partire dal 50.000 a.C., ha reso possibile la cottura, il riscaldamento e l’illuminazione. Seguirono le torce, cioè rami di legno ricoperti di resina ardente e ciotole di pietra in cui uno stoppino bruciava nel sego liquido.

Candele

Le prime candele furono realizzate nel 5.000 a.C. nel vicino Oriente, con stoppini di paglia, papiro o giunco in ammollo nel sego. Gli antichi romani usavano anche la cera d’api per le loro candele.

Lampada ad olio

Con i romani, le lampade ad olio di argilla erano un prodotto di massa. Grassi e oli animali e vegetali o cera venivano versati nei contenitori, spesso decorati. Fu solo nel 1783 che Aimé Argand di Ginevra (1750-1803) inventò la lampada ad olio di Argand, molto migliorata, in cui lo stoppino e quindi l’intensità della luce erano regolabili e un cilindro di vetro calmava il processo di combustione. Dopo la scoperta dei primi giacimenti di petrolio negli USA, le lampade a petrolio sono state sviluppate secondo lo stesso principio di Argand.

Luce a gas

Nel XVII secolo ci furono i primi tentativi di creare lampade a gas. Nel XVIII secolo furono registrati vari brevetti per lampade a gas. All’inizio del XIX secolo le prime lampade a gas illuminavano le strade della City di Londra. La nuova tecnologia si è diffusa rapidamente nelle grandi città, con le lampade a gas che all’inizio venivano ancora accese da accenditori di lanterne.

Lampadina

A partire dal 1850, vari inventori chiesero il brevetto per una lampada ad incandescenza. In questa lampada, un filo viene riscaldato da corrente elettrica in un corpo di vetro sotto vuoto e fatto brillare. L’inventore della lampadina veramente funzionante è stato l’americano Thomas Alva Edison (1847-1931). Brevettata nel 1880, ben presto fece fabbricare industrialmente la sua lampadina con filamento di carbonio fatto di bambù. Edison ha costruito anche centrali elettriche, la prima a New York. Ci sono state feroci battaglie per il mercato dell’elettricità.

Tubi al neon

I tubi fluorescenti rossi, che contengono neon come gas di riempimento, esistono dal 1909, ma altri gas possono produrre colori diversi, il che rende i tubi fluorescenti particolarmente interessanti per le insegne luminose. Un’altra forma speciale di lampadina sono le lampade alogene, che contengono anche gas, l’alogene appunto.

Lampade LED

Quando i diodi emettitori di luce (LED) vengono utilizzati per generare luce elettrica, si parla di sorgenti luminose a LED. La loro durata di vita è molto più lunga di quella delle lampadine convenzionali e consumano solo una frazione dell’energia a parità di luminosità. Sono disponibili anche sotto forma di aste e in diversi colori, ed è per questo che ora stanno sostituendo anche i tubi al neon.

Divieto delle lampadine a incandescenza

Nel XX secolo, la lampadina era l’illuminante più importante. Ma nel 2009 la sua produzione e distribuzione è stata vietata dall’Unione Europea e poco dopo dalla Svizzera e da altri Paesi. Questo perché consumano energia elettrica inutilmente: in effetti, solo una piccola parte dell’elettricità viene utilizzata per produrre luce – il resto si trasforma in calore. Il futuro appartiene alle lampade a LED.


Parco naturale del Gantrisch: un paradiso per astrofili

Di notte, il parco naturale del Gantrisch diventa un parco stellare. Grazie alla sua topografia, nel triangolo tra le città di Berna, Thun e Friburgo, si può ammirare un affascinante cielo stellato e vivere il blu scuro della notte. L’autunno scorso, il parco naturale è stato presentato alla International Dark Sky Association (IDA) come il primo “Dark Sky Park” della Svizzera. La zona centrale particolarmente buia si trova nella parte meri- dionale del parco naturale. In questo caso si applicano nuove linee guida che riducono l'illuminazione esterna al minimo necessario. Finora i "Dark Sky Parks" si trovano principalmente negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in Germania. Proteggono la natura, deliziano gli astronomi e contribuiscono alla comprensione del valore della notte e delle tenebre per l’uomo e la natura. Chi è interessato ad osservare il cielo può prenotare visite guidate di notte (con pernottamento se lo desidera). Portate il vostro telescopio e lasciate che vi mostrino il Bütschelegg o l’ex parcheggio dei carri armati sul Gurnigel, che è diventato un paradiso per gli amanti delle stelle.

www.sternenpark-gantrisch.ch


Inquinamento luminoso: cosa sta facendo Coop?

Già nel 2010, Coop ha convertito tutte le targhette illuminate Coop alla tecnologia LED a risparmio energetico. Ora le scritte luminose si adattano automaticamente alla luce ambientale. Per poter intervenire in modo ancora più coerente contro l’inquinamento luminoso, dal 2012 l’azienda spegne completamente tutte le luci inutili tra le 22.00 e le 6.00. In particolare gli animali attivi di notte traggono vantaggio da questa eliminazione dell’illuminazione e delle insegne al neon

Maggiori informazioni: www.fatti-non-parole.ch/3066