Un'eredità principesca | Cooperazione
X

Argomenti popolari

Un'eredità principesca

Sotto il sole di Sicilia gli agrumi trovano terreno fertile quasi quanto le buone idee. A cominciare da quella che ha portato Giangiacomo Borghese al bio, per la gioia di tanti clienti Coop.

01 febbraio 2021

Villa Borghese a Roma la conosciamo tutti. Pochi però sanno che uno dei rampolli della dinastia dei principi Borghese fa l’agricoltore biologico in Sicilia. In passato i genitori di Giangiacomo Borghese (56 anni) decisero di rimettere in piedi un podere in rovina, contribuendo alla rinascita del luogo. Mentre frequentava l’università nella lontana Roma, i principi gli spedivano arance fresche non trattate che anche i suoi colleghi apprezzavano. Fu l’inizio di una bella storia. 

 

Un eden in terra

Da 25 anni, l’Azienda Agricola Il Biviere fornisce agrumi a Coop. L’azienda a conduzione famigliare si trova nella Sicilia orientale e si estende su un fertile terreno che ha trattenuto le acque di un lago leggendario con vista sull’Etna. Oltre ad arance rosse e bionde, limoni, clementine e pompelmi rosa, su questi terreni crescono anche pesche tabacchiera e albicocche, tutte in qualità Bio Suisse e certificate Demeter


Radici siciliane

Nel 1392 la tenuta «Il Biviere di Lentini» venne concessa in feudo dal re Martino d’Aragona a un antenato di Giangiacomo Borghese. Oggi, il principe – a sin. con la moglie Virginia, 37 anni, il figlio Giulio e la figlioletta Luce – riserva grande attenzione all’agricoltura in sintonia con la natura e al marketing online.


Merito del clima

I limoni, spiega Giangiacomo Borghese, sono i frutti più delicati, mentre il pompelmo rosa è più robusto delle arance. Il frutto preferito di Giangiacomo è l’arancia rossa. «Grazie all’escursione termica tra i 18-20 °C di giorno e gli 0 °C di notte, la sua polpa diventa bella rossa. In Sicilia andiamo particolarmente fieri di queste varietà».

Le famose ceramiche

Caltagirone

Caltagirone, in Sicilia, è famosa per le sue ceramiche. Nella chiesa di Santa Maria del Monte un fiore d’arancio decora le piastrelle.