X

Argomenti popolari

MANGIARE&BERE
TRADIZIONE PASQUALE

Capretto prima e dopo

Come riuscire a stupire positivamente gli ospiti al pranzo di Pasqua senza troppi intoppi? Dopo aver consultato alcuni “esperti” di cucina
casalinga ticinese, vi proponiamo una ricetta di facile esecuzione.

FOTO
ALAIN INTRAINA
14 aprile 2019

Infornare il capretto nel forno preriscaldato a 250°C, per ottenere una perfetta doratura. 

Gli anni passano e le ricette si tramandano. Perché, pur apprezzando la globalizzazione gastronomica e le disposizioni nutrizionali moderne, alcuni piatti si cucinano “come Dio comanda” (che per Pasqua ha ancor più senso) o “come vuole la tradizione”. 

Fissato il punto di partenza, ovvero il capretto, si indaga tra i conoscenti in cerca di segreti culinari. Il primo appuntamento, per quanto mi riguarda, è sempre con la nonna, che mi stupisce dicendomi: «A casa mia, a Vezia, si preparava in umido con il pomodoro». Gli altri interrogati sono perlopiù  del Sopraceneri e prediligono il “capretto-al-forno-con-patate”, che secondo me, visto l’impossibilità di servirlo con altri contorni, andrebbe scritto come parola unica. Dopo aver confrontato diversi ricettari della tradizione orale – ovvero parenti, amici e colleghi – ho scelto la ricetta che mi è parsa più semplice, senza la rosolatura della carne in padella (che tradotto nel linguaggio di economia domestica significa una padella in meno da lavare); la riportiamo qui sotto.

Solitamente della carne capretto si acquistano tagli misti. Se è servito come piatto principale, si calcolano 500g a persona.

Come ultimo appunto: suggerisco di usare una teglia a parte per le patate e inserirle in forno dopo aver abbassato la temperatura a 220 °C. La cottura è più breve rispetto a quella del capretto.


Capretto al forno

PER 4 PERSONE

2 kg di capretto, a pezzi
ca. 40 g di mix di spezie in polvere per carne
6 rametti di rosmarino
80 g di burro
5 dl di vino bianco
1 c.no di grani di pepe bianco
3 spicchi d’aglio, leggermente schiacciati

ECCO COME FARE

Passare i pezzi di capretto nel mix di spezie e disporli in una pirofila capiente. Aggiungere il burro a fiocchi, l’aglio e i grani di pepe. Mettere la teglia nel forno preriscaldato a 250 °C per 10-15 minuti, finché risulta ben dorato. Bagnare con vino bianco, aggiungere il rosmarino e abbassare la temperatura a 220 °C. Cuocere per un’ora e mezzo circa, girando e bagnando i pezzi con il sughetto 4-5 volte durante la cottura.

Servire con: patate arrosto e cipollotto al forno (dimezzato e cotto insieme con il capretto 8-10 minuti).