X

Argomenti popolari

MANGIARE&BERE
CUCINARE A COLORI

Pasta arcobaleno

Amanti degli unicorni e delle tinte pastello rimboccatevi le maniche e preparatevi a mettere le mani in un impasto sgargiante come la plastilina! Ecco cosa aggiungere a farina e uova per colorare la pasta fatta in casa.

FOTO
ALAIN INTRAINA
26 agosto 2019

La preparazione della sfoglia arcobaleno inizia da singoli impasti monocolore.

In Australia c’è un ristorante specializzato in tagliatelle blu alla spirulina; in America una mamma è diventata famosa grazie alla pasta colorata da verdure frullate e uno chef italiano “stellato” si è fatto conoscere per il suo spaghetto allo scoglio senza scampi né vongole, ma rosso come un semaforo. Se avete dimestichezza con il mattarello, stupire gli amici con un primo piatto fluo sarà solo questione di pazienza.

Il segreto per creare una lasagna multicolor è preparare una sfoglia di pasta per ogni colore che si desidera usare (nei riquadri gli ingredienti da aggiungere all’impasto base*), ritagliare delle strisce e affiancarle sovrapponendo un lato. Per farle aderire l’una con l’altra inumidire leggermente la parte a contatto. Altri disegni si ottengono applicando ritagli o minuscole palline di pasta (come per i ravioli a pagina 37) su una base. Un passaggio importante per ogni formato è tirare la pasta nella macchina o con il mattarello dopo aver sovrapposto gli strati per sigillare i disegni e avere uno spessore uniforme. Infine, tagliare la sfoglia con una rotella, con formine per biscotti o con la macchina per tagliatelle.

  • VERDE: Si possono utilizzare gli spinaci, la foglia delle coste o il prezzemolo. Tutto va tritato finemente e unito all’uovo prima di essere aggiunto alla farina.
  • BLU: Chi sperava di colorare la pasta solo grazie agli ingredienti dell’orto se ne faccia una ragione: questo blu vivace è frutto di un colorante alimentare. Ad es: Betty Bossi Food Colouring Trio, fr. 2.50/15g.
  • VIOLA: Con il frullatore ad immersione, ridurre in poltiglia dei mirtilli freschi e succo di barbabietola da aggiungere alla farina e al tuorlo d’uovo. Purtroppo dopo la cottura il colore tende al rosso mattone.
  • FUCSIA: Facilissimo: unire succo di barbabietola all’uovo prima di impastare con la farina.
  • A POIS: Il rosso è dato da concentrato di pomodoro e succo di barbabietola (l’effetto sgargiante è aiutato da un colorante alimentare rosso). I pois sono piccole palline di farina e acqua applicate sulla sfoglia rossa. Il tocco in più: il ripieno è una crema di ricotta, polpa di melanzana cotta al forno, gallinacci trifolati, prezzemolo, sale e pepe.
  • GIALLO: Con un pizzico di curcuma fresca grattugiata, la pasta diventa giallo intenso. Si consiglia di usare guanti alimentari quando si maneggia la radice di curcuma, per evitare aloni difficili da rimuovere.
  • ARANCIONE: Una combinazione di concentrato di pomodoro, curcuma e tuorlo d’uovo, per una pasta color albicocca.
  • BLACK&WHITE: L’impasto bianco è di farina e acqua, senza uova. La stessa base, unita al nero di seppia (in vendita nel reparto pesce), diventa scura come la notte. La lavorazione è analoga a quella della pasta fresca all’uovo.

Le farfalle si ricavano da rettangoli di 3 × 5 cm ?pizzicati? in centro.

*La ricetta della pasta all’uovo su: www.fooby.ch/pastafresca