X

Argomenti popolari

STREETFOOD

Puntata 2: Mattarelli e coltelli

La semplicità di una vera piadina romagnola, cotta al momento, per mantenere vive le tradizioni del cibo di strada della terra alla quale Nicolò e Mattia sono legati.

FOTO
MAD
10 aprile 2018

L'IDENTIKIT

Chi sono? www.mattarelliecoltelli.com
Cosa fanno? Pasta fatta in casa, piadine.
Dove lavorano? Di solito a Solduno, sulla strada cantonale per Centovalli e Vallemaggia all’altezza del “Barett” .
Dove saranno? In zona lido a Lugano, al torneo WTA Ladies open fino al 15 aprile.

Io ho avuto diversi amici emiliani, quello più piccolo pesava un quintale per un metro e ottantacinque. Potevano mangiare quantità industriali di cibo senza risentirne e bere litri di Sangiovese o Lambrusco come se fosse acqua di fonte. Nicolò e Mattia, i gestori di Matterelli e coltelli, mi rivoltano lo stereotipo: sono snelli e in forma e non hanno delle mani grosse come prosciutti. Emiliano l’uno e romagnolo l’altro, panettiere pasticcere Nicolò, cuoco Mattia.
Scordatevi però grassi e devastanti piatti emiliani, quelli che alla fine del pasto rotolate via indecorosamente gemendo. La piadina di Mattarelli e coltelli, classicissima con squacquerone e crudo di Parma, rucoletta e pomodoro è leggera e saporita, soprattutto se accompagnata con la piadina (fatta sul momento) ai cereali integrali.

Non da meno è Mattia, che prepara strozzapreti, tagliatelle e pappardelle rigorosamente a mano per condirli con salse anch’esse figlie dell’amore per la cucina emiliana. La salsa alla bolognese la fa da padrona, quella classica, col soffrittino, la salvia e il rosmarino. Affrontiamo con Mattia l’eterna disputa se per la bolognese è meglio la passata o il concentrato (due scuole si affrontano da millenni sulla questione). Per Mattia è la stessa cosa, rimaniamo basiti: ma come? Anni di disquisizioni tra gourmet e tu me la condisci via così? Poco male. Ci accomiatiamo perché i due guappi emiliani si apprestano a preparare un aperitivo per il Barett, il bar proprio accanto al loro food truck, perché Nicolò e Mattia si occupano anche di catering e matrimoni. Ci rubiamo un sacchettino coi croccantini al cioccolato di Nicolò, che prepara anche deliziosi dessert, e ci dileguiamo. Ci si rivede alla prossima missione!