Tira un buon vento | Cooperazione
X

Argomenti popolari

VITICOLTURA
VALLESANA

Tira un buon vento

Da Domaines des Virets, un’azienda agricola di Saint-Léonard in Vallese, la vendemmia è iniziata la settimana scorsa. Viticoltore e proprietario lavorano fianco a fianco per produrre i migliori vini in vendita in esclusiva da Coop.

FOTO
louis dasselborne
30 settembre 2019
Pierre-Alain Mathier e Iwan Imboden operano insieme da un quarto di secolo.

Pierre-Alain Mathier e Iwan Imboden operano insieme da un quarto di secolo.

«Le giornate sono calde e le notti fresche: non si potrebbe chiedere di meglio per i giorni che precedono la vendemmia», racconta entusiasta Iwan Imboden, 50 anni, viticoltore ed enologo della Domaines des Virets, una splendida tenuta nel villaggio di Saint-Léonard, tra Sion e Sierre, con una vista incantevole sulla pianura del Rodano. In 24 anni di lavoro qui non ci sono mai stati problemi di muf- fa in vigna. E il merito è tutto del vento, che qui ha l’abitudine di virer ovvero di cambiare spesso direzione, caratteristica dalla quale la tenuta prende il nome.

La lingua del cuore e quella del vino

Il giorno della nostra visita verso metà settembre Iwan Imboden fa il punto del- la situazione con il 55enne Pierre-Alain Mathier, proprietario che vive a Zurigo. Poco più tardi a loro si unisce anche Xavier Gigandet, ex campione di sci vodese, il quale stringe calorosamente la mano ai due. Da quando nel 1998 ha appeso gli sci al chiodo, lavora nell’azienda meccanica di famiglia a Yvorne (VD). Qui nella tenuta, invece, si occupa della manutenzione delle macchine agricole. Poco dopo arriva il momento di verificare se la bilancia che peserà le preziosissime uve funziona bene. Iwan Imboden si sta godendo l’eccitazione del momento.

È cresciuto a Salquenen, a contatto con il mondo del vino come Pierre-Alain Mathier. Provengono da famiglie che si conoscono e che lavorano assieme da generazioni. «La nostra lingua del cuore è il dialetto walser, mentre quella che utilizziamo per vendere il vino è il francese. È sempre stato così», sorridono i due cinquantenni, padri di tre figli ciascuno. Vanno molto orgogliosi dei vini che producono: «Siamo come gli chef: il nostro lavoro può dirsi finito solo quando il cliente resta soddisfatto del vino che ha nel bicchiere».

L’imprenditore Pierre-Alain Mathier ha rilevato il Domaines des Virets 25 anni fa e ha scelto di commercializzare i suoi vini esclusivamente da Coop. Dopo la laurea all’università di San Gallo decide di fare carriera a Zurigo, ma non rinnega le radici vallesane e quei luoghi nei quali torna tanto volentieri a sciare. Innamorato del Fendant, della fondue e della raclette, difende la tipicità del Fendant des Virets, un nettare molto fruttato dalle note di banana e di limone. Oltre al Fendant, produce anche Heida, Œil-de-perdrix e Pinot Noir, anche in versione riserva barricato. «A breve mi piacerebbe aggiungere alla lista anche la Petite Arvine», puntualizza il proprietario.

Il canto della vite

Mentre voi state leggendo queste righe, la vendemmia procede a pieno ritmo. Léonard, il figlio più giovane di Pierre- Alain Mathier, afferra le cesoie con i compagni di scuola. Quando gli ultimi grappoli vengono portati in cantina, un rito segna la fine della vendemmia: Raphaël Studer inizia a intonare alcuni canti tradizionali della vendemmia a Virets. Postino di Saint- Léonard, Raphaël Studer è attivo in diversi cori: «Da vent’anni la mia famiglia porta le sue uve qui con grande soddisfazione. E quando sono in vena ricambio il favore facendo loro dono della mia voce!».

Pierre-Alain Mathier ha imparato a degustare da giovane e ha avuto al suo fianco due grandi maestri: i suoi genitori. Le prime degustazioni sono previste a gennaio e il proprietario non vede l’ora che arrivi: «In quel periodo, anche se resti quasi tutto il tempo giù in cantina a controllare i vini, nessuno ti può togliere per mezz’ora il piacere di un raggio di sole. È qualcosa di incredibile», dice alzando felice il bicchiere di fronte al paesaggio grandioso che gli si apre davanti ogni volta che ritorna al Domaine des Virets. 


Rappresentativi

Il Fendant e il Pinot noir del Domaines des Virets

Fendant Domaines des Virets Valais AOC

Prezzo: fr. 7.95 invece di fr. 9.95/75 cl*
Caratteristiche: persistente e fine al palato
Temperatura di servizio: 10-12 °C
Da bere con: raclette e fondue
Disponibile: nei grandi centri Coop e su mondovino.ch

Pinot Noir Saint- Léonard Valais AOC

Prezzo: fr. 8.95 invece di fr. 12.95/75 cl*
Caratteristiche: carattere ampio e pieno in bocca
Temperatura di servizio: 14-16°C
Da bere con: formaggi a pasta molle, carne rossa Disponibile: nei grandi centri Coop e su mondovino.ch

*Azione valida fino al 12 ottobre o fino a esurimento scorte.