X

Argomenti popolari

CONSULENZA
LEGALE

La strada coattiva

Il pericolo ghiaccio su una comproprietà coattiva e il cognome coniugale. Una rettifica.

14 aprile 2019

Gaia Zgraggen

Avvocato e notaio

Sono comproprietaria di una “strada coattiva”. In inverno spesso questa strada gela, creando delle chiazze di ghiaccio che costituiscono forte rischio di caduta per chi la percorre a piedi. Vorrei capire innanzitutto cosa si intende per strada coattiva, e sapere inoltre chi è responsabile nel caso in cui qualcuno si infortunasse scivolando a causa del ghiaccio.

Per comproprietà coattiva s’intende una forma particolare di comproprietà, non esplicitamente prevista dal Codice civile svizzero, costituita mediante una convenzione tra comproprietari e intesa a vincolare la comproprietà di un determinato fondo alla proprietà di altri fondi, cosicché la quota di comproprietà del primo fondo segue il destino del secondo fondo. Nel presente caso la strada coattiva − da un punto di vista della responsabilità − viene considerata un’opera e come tale soggiace alla responsabilità del proprietario di un’opera ai sensi dell’art. 58 del Codice delle obbligazioni. Secondo questo articolo, il proprietario di un’opera è tenuto a risarcire i danni cagionati da un vizio di costruzione o da un difetto di manutenzione.  Il proprietario dell’opera − in questo caso i comproprietari della strada coattiva − è quindi di principio tenuto a provvedere a rimuovere il ghiaccio e la neve, a patto che detto onere sia ragionevole alla luce di tutte le circostanze del caso. 

Rettifica.

Con riferimento al primo quesito pubblicato in Cooperazione n. 10-5 marzo 2019, si rileva che lo stesso risulta incompleto. La risposta indica infatti: «il diritto svizzero prevede che solo una persona fisica vivente che non sia legalmente dichiarata incapace, possa essere un erede». Detta risposta omette di indicare che anche una persona “giuridica” (ad esempio un’associazione, una società o una fondazione) possa essere erede e ereditare alla stregua di una persona fisica.


Si può scegliere come cognome coniugale quello della moglie? 

L’art. 160 del Codice civile svizzero, in vigore dal 1° gennaio 2013, prevede che alla celebrazione del matrimonio ogni coniuge conservi il proprio cognome. Tuttavia, gli sposi possono dichiarare all’ufficiale dello stato civile di voler adottare un cognome coniugale, che possono scegliere tra il cognome da nubile della sposa o celibe dello sposo. Nel caso in cui ognuno decida di mantenere il proprio cognome, di principio gli sposi saranno chiamati a determinare il cognome che verrà dato ad eventuali figli, scegliendolo tra i loro cognomi da celibe o nubile.


Scriveteci

Per i vostri quesiti

cooperazione@coop.ch

oppure

Redazione Cooperazione,
Consulenza,
c. p. 2550, 4002 Basilea.