X

Argomenti popolari

TEMPO LIBERO
CASA

Come ti arredo il bagno

Un tempo era la stanza più emarginata della casa, oggi è l’ambiente più intimo, dedicato a benessere e relax. WC, lavabo, bidet, doccia o vasca sono così diventati essenziali elementi di arredo, ognuno con le proprie caratteristiche e peculiarità. 

FOTO
ILLUSTRAZIONE DI ISABELLA PANIZZA CAMPONOVO
25 marzo 2019

Mobile, lavabo e specchio

Una soluzione pratica per la composizione del bagno vede il lavabo sopra a un mobiletto con ante o cassetti, sormontato da una specchiera che lo completa. Pensili a muro, che non intralciano la mobilità, possono inoltre venire aggiunti alla composizione. Se rivestiti da specchi, accorpano la funzione di specchiera e contenitore in un unico mobile.

Materiali

Il lavabo in ceramica è la scelta vincente, ma il mercato offre anche delle alternative: la pietra e i materiali compositi, che permettono d’integrare il lavandino al piano d’appoggio. I mobili, a terra o sospesi, meglio che siano in legno con varie finiture, anche in abbinamento a laminati e laccati, bianchi o colorati.

Illuminazione

La specchiera deve essere munita di luci – in questo caso, una lampada sopra e due su entrambi i lati – che non creino ombre e indirizzino l’intensità luminosa verso lo specchio, per poi riflettersi sul viso. Un led applicato sotto al mobile evita zone scure e amplifica la stanza. Ma attenzione al riflesso sul pavimento!


Vasca da bagno

La tendenza è quella di avere una o più docce in casa, rinunciando all’idea tradizionale di relax con un bagno in vasca. Ma in questo modo si rinuncia anche alla comodità di lavare piumoni e tende o anche di poter fare il bagnetto ai bimbi. Solo una vasca da bagno capiente, magari con tanto di idromassaggio – a parete o freestanding – rende un semplice bagno più simile a una spa.

Materiali

L’acrilico è molto utilizzato, sia per vasche idromassaggio che standard, soprattutto nel caso di forme ricercate, in quanto si adatta a realizzare ogni sagoma. Se graffiato, può essere levigato.

Illuminazione

Illuminando con strisce Led il bordo della vasca, si amplifica lo spazio e si aggiunge interesse all’intera stanza.


WC e bidet

Due sanitari di uso quotidiano, per i quali è fondamentale bilanciare estetica e funzionalità. L’istallazione o meno del bidet è motivo di disaccordo, ma c’è più di un punto a suo favore: oltre al suo facile e rapido utilizzo, il risparmio idrico rispetto alla doccia per l’igiene personale e quello di carta igienica!

Materiali

La ceramica trova maggiore applicazione, ma anche gli innovativi materiali compositi sono igienici, sostenibili e riciclabili.


Pavimento e pareti

Materiali

Per rivestire pavimento e pareti, le piastrelle sono la soluzione più pratica, igienica e di tendenza. Ma anche il legno non è più una soluzione impensabile, come pure diverse tipologie di resine, impermeabili e resistenti all’umidità.

Colori

Il bagno deve suggerire l’idea di fresco e di pulito. Per questo si tende a scegliere i colori blu, verde o bianco, da qualche anno rivisitati e mescolati in abbinamento al turchese, al celeste, all’azzurro. Si può comunque scegliere il colore che si preferisce, avendo l’accortezza di ricordare che il bagno è la stanza deputata al relax e al recupero delle energie, per cui sarà bene non scegliere colori troppo accesi o microfantasie che possono stancare l’occhio nel tempo. Un pavimento fantasia è un ottimo alleato in una stanza facilmente sporchevole, con capelli, trucco e gocce d’acqua. Delle pareti in tinta unita, che magari richiamino le tonalità del decoro a terra, alleggeriscono l’ambiente.

È però bene tener presente che, se il bagno è cieco, sarà necessario inserire del bianco per donare luminosità all’ambiente.


Doccia

La doccia assume un ruolo importante nei bagni contemporanei, che sia a cabina chiusa o walk-in, di sicuro effetto.

Materiali

Il piatto doccia si può scegliere della forma e dimensione desiderata, in ceramica, resina, acrilico o acciaio. Con spessore ridotto si può installare a filo pavimento ma – quando è possibile – si può far proseguire il rivestimento del pavimento fin dentro alla cabina. Per il box, conviene abbandonare le obsolete ante scorrevoli in plastica, per vestirlo di cristallo trasparente, che può essere prodotto con trattamento anticalcare.

Illuminazione

La doccia si può illuminare dall’alto. Da evitare il posizionamento della lampada al centro, che crea un effetto scatola.