X

Argomenti popolari

CONSULENZA
ENERGIA

La giusta centrifuga

Come asciugare la biancheria, la temperatura dell’acqua del biberon e le luci natalizie del vicino.

FOTO
ILLUSTRAZIONE DI RETO CRAMERI
14 gennaio 2019

Fisica e presidente S.A.F.E.

Giuseppina Togni

Leggo spesso quanto sia importante centrifugare bene la biancheria. La mia macchina da lavare centrifuga “solo” a 1200 giri al minuto, io però ne sono soddisfatta.

Una buona centrifuga è importante soprattutto per chi asciuga la biancheria con il tumbler, che impiega meno tempo e meno elettricità se i capi sono già stati strizzati per bene. Tuttavia, se si appendono i panni ad asciugare all’interno, anche con una buona centrifuga si ha il vantaggio che la biancheria asciughi più in fretta e causi meno problemi di umidità, condensa e muffe al locale. In ogni caso, se dovesse acquistare una nuova lavatrice, le consiglio di consultare prima il sito topten.ch

L’anno scorso sono diventata nonna e, discutendo con mia nuora, non ci siamo trovate d’accordo su diversi punti che riguardano indirettamente l’energia. Per esempio, malgrado mio nipote abbia già sei mesi, sua mamma fa bollire l’acqua per il biberon e la lascia raffreddare (nel frattempo il bambino affamato piange), invece di riscaldare l’acqua solo fino alla temperatura necessaria. Inoltre, mia nuora mette l’acqua raffreddata in una bottiglietta e la conserva in frigorifero. A mio avviso ciò che fa è uno spreco di energia e di tempo. Qual è la sua opinione?

Per quanto concerne l’energia non posso che darle ragione. Infatti, non è sensato riscaldare l’acqua a cento gradi, per poi lasciarla raffreddare a quaranta. Anche perché l’acqua potabile nelle nostre regioni dovrebbe essere abbastanza pulita da non renderne necessaria l’ebollizione. Questo non è comunque il mio campo, per cui è meglio che lei chieda a un medico o a un batteriologo. In ogni caso, mettere in seguito l’acqua raffreddata in frigorifero, per averla a portata di mano, secondo me è sbagliato, anche perché il frigorifero è il luogo che contiene più batteri in un’economia domestica.


Si può?

Siamo a gennaio e il vicino ha ancora in funzione l’illuminazione natalizia su alberi e siepi. Ci sono leggi che vietano questo scempio?

Sullo “spreco di elettricità”, le lucine di Natale, molto probabilmente a LED, consumano poco. Capisco che il chiarore di notte possa disturbarla, ma non esiste una legge che vieti al suo vicino di illuminare il giardino. C’è però stata una sentenza del Tribunale federale che ne limita l’uso: le luci natalizie devono infatti venir spente il più tardi all’una di notte e l’impianto smantellato entro il giorno dell’Epifania. Invece, per illuminazioni non natalizie, la luce deve essere spenta la sera dopo le ore 22.


Per i vostri quesiti:

cooperazione@coop.ch

oppure

Redazione Cooperazione,
Consulenza,
c. p. 2550,
4002 Basilea.