X

Argomenti popolari

CONSULENZA
MODA

Il guardaroba perfetto

Che cosa tenere e cosa buttare? Il marrone: un colore di città? Come piacersi se ci si sente inadeguate?

FOTO
ILLUSTRAZIONE DI RETO CRAMERI
28 dicembre 2018

Tengo o butto? Questo dilemma mi accompagna; così accumulo negli armadi vestiti che non uso e di cui non riesco a liberarmi.Se no
n ci fossero i guardaroba affollati, non esisterebbero i consulenti d’immagine che eliminano il superfluo! Ma voglio rassicurarti: la maggior parte di noi indossa solo il 30% di ciò che possiede. Si ammassano capi costosi, logori, che non ci rappresentano, perché legati a un’immagine di noi che non tornerà più! Il guardaroba perfetto non è una questione di numeri ma di pezzi che ci stanno bene e ci fanno star bene. Si tratta di capi che si adattano alle nostre attività e a tutte le nostre occasioni reali. Per facilitare la visualizzazione, mi piace paragonare il guardaroba perfetto a una valigia completa, perché nel viaggio ci limitiamo all’essenziale.

Mi piacciono le tinte calde ma mia moglie sostiene che il marrone non è un colore da città: è vero?
Moda equivale a stravolgimento delle regole, quindi anche il divieto basato sul dogma anglosassone: ”No brown in town” può essere rivisitato. Il marrone è un colore rassicurante e semplice, quindi adatto a una vita informale all’aria aperta. Il grigio, il nero e il blu sono colori più rigidi e quindi più urbani. La regola non scritta che vieta al morbido marrone di entrare in città vige ancora in molti ambienti formali. Quindi tutto dipende dal contesto!

Consulente d'immagine

Roberta Piemontesi

Ulteriori informazioni qui: Roberta Piemontesi

Sono timida e vivo nell’ombra perché mi vesto in modo troppo discreto. Mi piacerebbe osare di più ma temo di essere inadeguata.
Vediamo se indovino? Davanti a me c’è una donna che non si piace, che pensa di non sapersi vestire, che si dice molti “non” e che indossa una divisa personale collaudata e penalizzante. Se hai deciso di scrivermi, è giunto il momento di spezzare questo schema, per scoprire il piacere di piacersi e iniziare un nuovo percorso. La prima tappa sta nell’imparare a volersi bene: dimentica l’estetica patinata imposta dalla moda, individua tre parti del tuo corpo che ti piacciono e imponiti di evidenziarle con abiti che le valorizzano. Non si tratta di presunzione ma di gentilezza nei tuoi confronti; per infondersi quella sicurezza che sarà poi percepita da chi ti circonda. Punta in alto e, senza svalutarti, ispirati alle donne che ammiri! Replica gli abbinamenti. Ma se esiti, esprimi il nuovo stile a amici fidati che coglieranno il tuo benessere e ti permetteranno di aprirti a nuove sperimentazioni sempre più audaci.


SCRIVETECI

Per i Vostri Quesiti

cooperazione@coop.ch

oppure

Redazione Cooperazione,
Consulenza,
c. p. 2550,
4002 Basilea.

I nostri esperti rispondono solo sul giornale e su quesiti d’interesse generale. Ci scusiamo con coloro che non troveranno la risposta pubblicata.