X

Argomenti popolari

CONSULENZA
MODA

Shopping compulsivo

Un ragazzo ossesionato dai marchi, una borsa da abbinare e i capelli da tingere.

FOTO
ILLUSTRAZIONE: RETO CRAMERI
30 ottobre 2018

Mio figlio di 12 anni è ossessionato dai marchi e dallo shopping. Da tempo nelle scuole i ragazzi fanno a gara su chi spende di più. Cosa ne pensa?
Prendi un marchio di culto, aggiungi la magia dell’inedito, crea un’estetica forte con pezzi limitati più belli in video che in realtà, un logo facilmente riconoscibile, sfrutta al massimo i social con gli influencer più amati e il gioco è fatto! Oggi tutto si misura a suon di like, dalle emozioni al successo. La reazione dev’essere immediata, trionfa solo chi arriva per primo e chi ostenta. Durante un dibattito sull’abbigliamento adeguato al contesto scolastico, ho assistito anch’io a un improvvisato match giocato a suon di somme spese. Alcuni ragazzi di una scuola media, anziché soffermarsi sul significato della propria immagine, hanno delegato il proprio valore alla scorciatoia della cifra più alta. Alla fine però chi vince? Chi sceglie con coscienza o chi è pilotato dalla venerazione per il consumo?

A inizio dicembre parteciperò a un matrimonio di pomeriggio. Posso abbinare la mia borsa Neverfull Vuitton chiara?
Dimmi che borsa porti e ti dirò chi sei e dove vai… Con una borsa rigida portata a mano, risulti inflessibile e organizzata. Se scegli un modello morbido a tracolla, emerge una personalità generosa e vivace. La borsa che indichi è da giorno, sicuramente raffinata, ma troppo versatile e pratica; quindi non adatta a una cerimonia. L’occasione richiede una borsa in materiale raffinato, potrebbe essere una pochette di medie dimensioni o una tracolla medio-piccola.

Ho ascoltato una trasmissione radiofonica sul tema dei capelli grigi. A 47anni mi tingo di nero perché grigia apparirei molto più vecchia.
Il vaglio tra un’estetica artificiale e una più naturale è un confronto infinito. Non esiste meglio o peggio, giusto o sbagliato; l’età stessa non si manifesta con segni universali. La mia esperienza consiglia di evitare un eccessivo contrasto tra un viso provato dai segni del tempo e un colore dei capelli troppo scuro e compatto (senza sfumature). Il grigio è una moda al crepuscolo tra i giovani, ma in ascesa tra gli adulti. Grazie alle influenze nordiche non è più sinonimo di vecchiaia ma di sicurezza. Una tendenza che impone cura per il proprio essere, con scelte di abiti e accessori dal piglio deciso e abbinamenti innovativi che ci corrispondono al 100%.


Per i Vostri Quesiti

SCRIVETECI

cooperazione@coop.ch

oppure

Redazione Cooperazione,
Consulenza,
c. p. 2550,
4002 Basilea.

I nostri esperti rispondono solo sul giornale e su quesiti d’interesse generale. Ci scusiamo con coloro che non troveranno la risposta pubblicata.