X

Argomenti popolari

famiglia

Il bebè nel marsupio

Neomamme scatenate. Non rinunciano a nulla: fanno pilates all'aria aperta, vanno al cinema, visitano musei. Sempre col bimbo in fascia. Radiografia di un trend in ascesa.

14 maggio 2018

Bernadette Rubio ama l'arte e vive l'attività museale in compagnia della sua neonata e della sua primogenita. Gian Paolo Ramelli è capo del dipartimento di pediatria dell'EOC.


Il servizio

TESTO: PATRICK MANCINI - FOTO: MELANIE TÜRKYILMAZ

Tutti insieme appassionatamente, genitori e neonati. Siamo ad Ascona, nel verde del Monte Verità. Il percorso vita in mezzo alla natura, sei “stazioni” in cui praticare esercizi di pilates. Tutto con il bebè in fascia. È la proposta lanciata, ormai tre anni or sono, da Elena Fornera, 41 anni, membra dell'associazione Crescere Insieme Ticino. Partendo da un dato di fatto. «Per le neomamme uscire di casa e fare una bella attività, senza per forza affidare il bimbo a qualcuno, è una necessità sempre più frequente. Serve a rompere la routine e ad alzare l'autostima. Sono stata neomamma anche io e ho vissuto questa esigenza sulla mia pelle».


Monte Verità: percorso vita ed esercizi di pilates con il proprio bebé. 

Al cinema
Neomamme scatenate. E per niente rassegnate a vivere la loro esistenza tra quattro mura. C'è chi, come Aglaja Amadò, 33 anni, appassionata di cinema e mamma da pochi mesi della piccola Luce, ha deciso di organizzare una serie di pomeriggi davanti al grande schermo. Con bebè inclusi. L'evento “mamme al cinema”, al Lux Art House di Massagno, è gettonatissimo. «Dopo la nascita di un bimbo – dice Amadò – è soprattutto la mamma a sentire la voglia di evadere. Anche perché il papà, generalmente, riesce comunque a continuare la vita di sempre. Noi neomamme, invece, trascorriamo i primi mesi immerse tra pannolini e biberon». Ad Aglaja Amadò il cinema mancava molto. «Ti accorgi di quanto sia importante una tua passione solo quando ti rendi conto che non la puoi più mettere in atto. E non parlo solo di cinema. Ad alcune manca il ballo, ad altre lo sport...».

Visita al museo
Giornate piacevoli, ma rigorosamente quasi sempre uguali. Da sempre è il destino delle neomamme di tutto il mondo. Si cerca, così, qualcosa per spezzare la monotonia del quotidiano. Al M.a.x. Museo di Chiasso, ad esempio, vengono regolarmente proposte visite alle mostre per neomamme col bimbo in fascia. Bernade e Rubio, classe 1976, mamma della piccola Anemone, di 6 mesi, è tra queste. «Amo l'arte. Di recente ho visitato una mostra su Ercolano e Pompei proprio al museo di Chiasso». Con la sua bimba tra le braccia. «Anemone ha dormito per quasi tutta la mattinata. Però è impressionante come in queste occasioni capisce che lì con lei, al museo, ci sono altri bambini. Li guarda, li osserva. È un'opportunità per fare attività piacevoli senza lasciare il bimbo ai nonni o alle tate. Le neomamme restano comunque molto “gelose” del proprio bimbo. Nei primi mesi di vita vogliono averlo più tempo possibile con sé».

Attività per il benessere delle neomamme e dei piccoli.

Senza imbarazzo
Una teoria sposata anche dalle giovani donne che frequentano i corsi di Elena Fornera. «Durante i nostri percorsi – ammette l'istruttrice – non c'è alcuno stress. Le mamme, in un certo senso, si trovano tutte sulla stessa barca. C'è addirittura chi si ferma ad allattare in mezzo al bosco. Quella dell'allattamento è una necessità pratica. Non puoi lasciare a lungo il bimbo a un nonno, quando sai che ogni 2-3 ore ha bisogno di te». Cosa succede quando un neonato, durante gli esercizi, si mette a piangere? «Di certo la madre non prova lo stesso imbarazzo che vivrebbe in un contesto in cui non ci sono neonati. Anzi, sono le sue compagne di avventura a fermarsi e a darle magari una mano». Nessuna preclusione nemmeno per i bimbi più grandicelli. «A volte arrivano pure mamme con passeggini. Siamo aperte a chiunque».

Intervista


Un tempo le neomamme consacravano i primi anni della vita del bimbo al suo accudimento. Oggi cercano di rompere la routine. Come va letto questo fenomeno?
Da alcuni decenni a questa parte, sta effettivamente cambiando il modo in cui le neomamme gestiscono il proprio ruolo. La mamma oggi non si adatta più “ciecamente” alle esigenze del neonato, ma cerca compromessi. Salvo eccezioni, quello della mamma immersa 24 ore su 24, tra biberon e pannolini è un modello che non esiste più. Dobbiamo dimenticarcelo.

Emancipazione o egoismo?
Egoismo assolutamente no. Non parlerei nemmeno di emancipazione, comunque. Il mondo sta andando sempre più veloce, cambiano i modelli di riferimento, la società ci chiede sempre di più. È comprensibile, dunque, il bisogno di evasione, il desiderio di fare qualcosa per sé stesse, di ritagliarsi spazi ricreativi, senza rinunciare ad avere il bimbo in braccio.

Ma non è stressante per il neonato sottoporsi ad attività riservate solitamente agli adulti?
Nel primo anno di vita il cervello del bambino non elabora tutti gli stimoli che riceve, ma matura competenze motorie e visive. Spesso, durante questo genere di attività, dorme. L'importante è mantenere un equilibrio.

Cosa consiglia alle neomamme più attive?
Di non venire meno a una regola basilare. La partecipazione a queste attività non deve scombussolare i ritmi del bambino. Non deve compromettergli il sonno o l'alimentazione. Se una mamma rispe a le esigenze del neonato, resta una brava mamma.

Siti utili

Cosa fare, attività dalla danza al museo

Nel 2017 sono stati 2.714 i nuovi nati in Ticino, 1.642 nei Grigioni, 85.000 in Svizzera (il calo globale è del 3% rispetto all'anno precedente). Intanto, le iniziative per le neomamme accompagnate da bebè si moltiplicano. Dal kangatraining (attività aerobica) allo yoga, passando per la danza in fascia e per le camminate sportive. L'equipaggiamento, nella maggior parte dei casi, si riduce al minimo: vestiti e scarpe comode, fascia o marsupio. Non vanno dimenticati pannolini, asciugamani e salviettine igieniche. Nelle attività all'aperto, invece, è consigliabile anche avere un cappellino per il bebè e uno spray anti zanzare.

Qui qualche sito utile per le neomamme:

http://www.ticinoperbambini.ch/

https://blogcrescereinsieme.wordpress.com/

https://www.kangatraining-ticino.ch/