X

Argomenti popolari

SAPEVI CHE...

Come si formano i diamanti?

Vasco, 9 anni

TESTO
FOTO
OCULUS ILLUSTRATION GMBH / www.oculus-illustration.ch
09 ottobre 2018

Milioni di anni fa, a più o meno 150 chilometri sotto la crosta terrestre, è successo qualcosa di incredibile: un minerale chiamato grafite si è trovato a una pressione di circa 67.000 bar e una temperatura di 2.000 gradi Celsius, trasformandosi così in diamanti. La grafite viene anche usata nelle batterie delle bici o delle auto elettriche. I diamanti sono «cresciuti» in una roccia madre detta kimberlite. Le eruzioni vulcaniche hanno portato – e portano tuttora – la lava in superficie e insieme a lei anche questi preziosi cristalli.

I giacimenti primari sono quelli in cui i diamanti si trovano proprio dove sono stati portati in superficie dai vulcani. Invece, i giacimenti secondari sono quelli in cui i diamanti sono stati trasportati successivamente dal vento o dall'acqua.

La tecnica di lavorazione dei diamanti risale al XIII secolo. L'unità di misura per il peso dei diamanti è il carato. Un carato corrisponde a 0,2 grammi. Il diamante più famoso è il "Cullinan", trovato nel 1905 in Sudafrica. Pesava 3.106 carati (621,2 g) ed è stato tagliato in 105 diamanti di varie fogge. Nel 1961 è stato scoperto il primo diamante sul fondo del mare.  

2.000 gradi. 
67.000 bar.


HAI UNA DOMANDA?

Scrivici all'indirizzo e-mail: cooperazione@coop.ch