X

Argomenti popolari

SPORT
TALENTI

Da Bondo in su

Cresciuto all’ombra del Pizzo Cengalo, Mirko Pietrobelli tratta la montagna con filosofia, senza cedere alla competizione.

FOTO
SANDRO MAHLER
14 aprile 2019

Mirko Pietrobelli, 42 anni, alpinista apprezzato a livello internazionale.

Ha fatto l’apprendistato di elettronico multimediale. Poi quello di elettricista. Ma la verità è che Mirko Pietrobelli non era tagliato per avere una quotidianità “normale”. È lo stesso 42enne bregagliotto, cresciuto a Bondo, ad ammetterlo: «Io sono nato per la montagna». Ecco perché ormai da decenni fa l’alpinista, per diletto e per professione. «Dall’arrampicata all’escursionismo».   

Sposato, padre di due bimbe, oggi Mirko abita a Silvaplana, in Engadina. Ma la maggior parte del tempo la trascorre in giro per il mondo. Sudamerica, Nevada, Africa, Nepal e Norvegia sono solo alcuni dei luoghi in cui ha praticato l’alpinismo. «Spesso mi affidano delle comitive. E io mi documento, mi informo, studio i percorsi. Non ho mai praticato alpinismo a livello agonistico. Perché quando c’è di mezzo la montagna, la competizione non esiste. Sono solo i media a farlo credere». È un po’ filosofo, Mirko. Lo si capisce anche dal modo in cui cerca di umanizzare la montagna. «La Bregaglia è la mia casa, rispecchia tutto ciò che amo. La gente si conosce, chiacchiera ancora al bar senza che ci
siano di mezzo gli smartphone. Anche per questo ho sofferto tantissimo per la tragedia di Bondo. Eppure, era da tempo che il Pizzo Cengalo ci mandava segnali. Come per dirci che non ce la faceva a tenere su tutta quella roccia». 

Moschettoni, imbragatura, corde, borraccia. Mirko ci mostra il suo zaino, pieno di oggetti chiave. «Sono uno che arrampica pure in inverno. Anche dalle mie parti, in alcune zone, le temperature sono relativamente alte». Un discorso dal retrogusto allarmante. «Da bambino andavo sul Corvatsch, e da lì si vedeva un ghiacciaio immenso. Oggi si scorgono i sassi, in pochi anni si è ritirato tantissimo. Sono cose che ci devono fare riflettere. L’uomo sta facendo del male al Pianeta».