X

Argomenti popolari

SPORT
TALENTI

In pista per caso

Fino a qualche mese fa Alexander Crotta non aveva mai visto una gara di bob. Ora fa il frenatore. Ecco com’è andata.

FOTO
Sandro Mahler
21 gennaio 2019

Alexander Crotta, 22 anni, corre per il Bob club della Svizzera italiana

Chiude gli occhi, fa un tuffo di 12 mesi nel passato e gli viene da dire: «No, un anno fa mai avrei pensato di fare bob». E invece Alexander Crotta oggi fa il frenatore per il team di Cedric Follador, “star” del Bob club della Svizzera italiana. Raccogliendo applausi nelle gare di Coppa Europa. «Sono finito in questo ambiente per caso, grazie a un amico. Ho giocato a football americano, faccio sollevamento pesi. Il mio fisico mi ha favorito».

Il ruolo di Alexander consiste nello spingere il bob con tutte le sue forze alla partenza. E poi nel frenarlo all’arrivo. «Ho lo stesso compito sia nel bob a 4 sia nel bob a 2». A St. Moritz, quartier generale del club, il 22enne luganese è una vera new entry. E fa sorridere il fatto che ammetta di non avere mai visto una gara di bob fino a qualche mese fa. Ma forse, proprio per il fatto di essere un neofita, vive ogni emozione in maniera amplificata. «Durante la discesa, tutto è nelle mani del pilota. Ho una grande ammirazione per la freddezza di Cedric. Io non so se ne sarei capace. La responsabilità è alta, e nutro un sano timore nell’immaginarmi pilota. È una figura nella quale i frenatori devono avere totale fiducia».

Alexander è studente in scienze e tecnologie della salute al politecnico di Zurigo. Un giorno vorrebbe lavorare nell’ambito della ricerca medica o nello sviluppo di tecnologie legate alla sanità. Lo sport rappresenta però una componente indispensabile della sua quotidianità. «Quando, ad agosto, ho raccontato ai miei conoscenti che avrei fatto bob, in tanti sono rimasti sorpresi. Poi, però, mi hanno visto partire per Andermatt, campo base in cui curiamo la parte tecnica, e allora hanno capito che facevo sul serio. Ci ho preso gusto anche con le competizioni. A febbraio, se tutto va bene, parteciperemo addirittura alla Coppa del mondo juniores in Germania».