X

Argomenti popolari

SPORT
TALENTI

La ragazza tornado

Ha incontrato la Spartan race, corsa a ostacoli estrema, nel 2016 a Barcellona. Da allora Romina Sangiacomo non si è più fermata.

FOTO
MAD
01 aprile 2019

Romina Sangiacomo, 25 anni, di Tesserete.

Striscia sotto il filo spinato, scavalca un muro, avanza nel fango. Stanca, sfinita. Eppure, Romina Sangiacomo sorride sempre. Sprizza energia da ogni poro. Da quando, tre anni fa a Barcellona, ha scoperto la Spartan race, non si è più fermata. Le settimane della 25enne di Tesserete, legata al gruppo Obstacle course race Ticino, sono scandite da ritmi pazzeschi. «Mi alleno tutti i giorni. E se rallento, sto male».

Romina si è innamorata della corsa a ostacoli nella sua forma più estrema. Di professione fisioterapista, a Bellinzona e a Lamone – ma anche barista in un locale di Lugano nei weekend – la capriaschese ha il fuoco nelle vene. «Sono cresciuta facendo ginnastica attrezzistica. Poi ho scoperto che amo portare il mio corpo al limite, soffrire. È capitato in maniera lampante agli ultimi Mondiali in California, stavo quasi per crollare».

Tre le tipologie di gara: corta, media e lunga durata. Romina non ha preferenze. «L’importante è gareggiare». Presto anche la Svizzera avrà il suo campionato. «Non vedo l’ora che inizi. Finora, dato che da noi non c’era un vero campionato, avevo partecipato alle National series italiane, che ho vinto nel 2018. Ma è bello correre anche in patria». Quella patria che per Romina è d’adozione. Sì, perché a un certo punto ci rivela di essere nata in Perù, a Lima. «I miei primi sette anni li ho trascorsi lì. I miei genitori sono peruviani. Il cognome Sangiacomo? Lontane origini italiane. Quando racconto questa storia, la gente non ci crede».

Romina è orgogliosa di indossare i colori rossocrociati. «Direi onorata. E sono fiera di avere portato a casa un oro agli Europei in Francia lo scorso anno». Anche nel 2019 non mancheranno i grandi traguardi. «In estate tornano gli Europei, stavolta nelle Dolomiti. Mentre a settembre volerò a Londra per il Mondiale. Non mi annoierò».