X

Argomenti popolari

SPORT
TALENTI

Una prima fra le big

Scatta l’avventura in Lna della Sportiva unihockey Mendrisiotto. Tra le sicure protagoniste, il portiere Sandra Tommasini.

FOTO
Sandro mahler
02 settembre 2019

Sandra Tommasini, 31 anni, di cui 20 passati nella Sum.

Skorpion Emmental Zollbrück. Un nome che a molti non dirà nulla. Per la Sportiva unihockey Mendrisiotto (Sum) segna invece l’appuntamento con la storia. Sabato 14 settembre la squadra bernese sfiderà infatti a Mendrisio il club femminile ticinese, neopromosso in Lega nazionale A. «Quella sarà la nostra prima partita tra le big dell’unihockey svizzero – dice Sandra Tommasini, bandiera della squadra momò –. Non vediamo l’ora. Siamo cariche a mille».

Sandra, 31 anni, di professione traduttrice freelance, laureatasi in lingue alle Università di Losanna e Ginevra, è nata e cresciuta a Mendrisio. Milita nella Sum da addirittura 20 anni. E ha vissuto, in prima persona, l’incredibile ascesa di questa società. «Sono sempre stata tra i pali. Però non chiamatemi portiera, nel nome della parità dei sessi. Amo il ruolo del portiere per i suoi movimenti innaturali, per la posizione strana che ti logora le ginocchia, per i riflessi che devi avere. È una sfida psicologica».

Ai nastri di partenza della massima serie, dieci squadre. Tra cui le favorite Dietlikon Jets e Piranha Coira. Le prime otto accedono ai playoff. «Noi puntiamo alla salvezza. Anche se non posso dimenticare la pazzesca cavalcata dello scorso anno, quando in Lnb ci saremmo accontentate di arrivare tra le prime quattro. Il livello ora sarà più alto, in particolare dal profilo dell’intensità di gioco. Io sarò parecchio sollecitata. Ma sono pronta. E mi fido della mia difesa». Per la Sum, la stagione che sta per aprirsi è una vera incognita. Alcune ragazze sono partite, ne sono arrivate altre. «È tutto molto nuovo. Dovremo adattarci». Ma nello spogliatoio si continueranno a mantenere gli stessi riti. «Mi dovrò sempre sedere accanto a Gilda Pini. Sono le compagne più scaramantiche a volerlo. Io non credo a queste cose. Ma per il gruppo si fa questo e altro».