X

Argomenti popolari

ORIZZONTI
PARTY IN GIARDINO

L'estate è tutta una festa

Con le giornate sempre più lunghe, è un piacere trascorrere il tempo libero all’aperto. Un consiglio: fatelo in buona compagnia. Ecco una guida per il divertimento di tutti.

FOTO
HEINER H. SCHMITT
17 giugno 2019

Daniel Holliger (Art Director Stampa Coop) e Jasmina Slacanin (redattrice di Coopération) si godono un bel bicchiere di vino bianco.

Una tranquilla serata estiva, mangiare e bere all’aria aperta, assaporare per un po’ il semplice fatto di esistere: nessun’altra stagione dell’anno, infatti, invita maggiormente a ritrovarsi in compagnia di amici e familiari. Ma affinché la festa estiva diventi un successo e la meravigliosa atmosfera possa consolidarsi senza che lo stress e la fretta abbiano il sopravvento, è necessario dare la massima priorità alla corretta organizzazione dei preparativi.

Svenja Marocchini (stagista presso Coop Zeitung) e Daniele Turini (coordinatore Online/Social Media) ammirano, golosi, la crostata preparata per la festa da Olivia Lauper (stagista).

Cosa portano gli ospiti

Prima di aprire le porte di casa dovete chiedervi quanto siete disposti a fare da soli o, meglio ancora, quanto tempo e denaro volete investire nella festa. Ci sono persone che si calano nel ruolo del padrone di casa pronto ad accogliere gli ospiti dopo aver trascorso settimane a selezionare ricette, i vini più adatti e comporre una playlist di canzoni estive per la grande occasione. Persone che passano giorni e giorni a impastare e sperimentare in cucina. Altri delegano alcune incombenze agli ospiti, e va benissimo così. Un po’ di coordinamento è importante in questo caso: non si può imporre agli ospiti quale vino portare, ma mettersi d’accordo sul buffet di insalate e dessert, invece, non è sbagliato o offensivo. Siate coraggiosi e proponete alternative quando i vostri ospiti annunciano la terza insalata di pasta, o la quinta torta al cioccolato. Ma siate consapevoli del fatto che dovrete in ogni caso cedere una parte del controllo. Perché qual è l’ospite disposto a sentirsi dire: «Porta per favore il tuo vino, una corona croccante fatta in casa e una panna cotta ai frutti di bosco?». E se l’invitato siete voi e desiderate dare una mano al padrone di casa? Allora pensate per tempo al modo migliore per farlo. Apparecchiare la tavola senza sapere dove sono i piatti e le posate? Non è una buona idea! Portare spontaneamente un’insalata di cervelas per poi scoprire che la maggior parte degli invitati è vegetariana? Nemmeno. Chi vi ospita vi sarà di sicuro grato se lo aiuterete a lavare i piatti o se vi preoccuperete di riempire di volta in volta i bicchieri dei commensali.

Dai vicini agli insetti

Nelle prossime pagine vi aiuteremo a capire quante bevande dovrete calcolare, come gestire i vicini che potrebbero innervosirsi per la musica e i rumori mole- sti. Ma anche, come dichiarare guerra ai fastidiosi insetti che potrebbero darvi filo da torcere durante la serata.


Michael Adams (direttore Editorial Design) e Natalia Ferroni (vice caporedattrice di Cooperazione) gustano insalate e patatine con Patrick Wehrli (direttore della Stampa Coop).

Stoviglie: per la festa e l'ambiente

Una festa non si dà tutti i giorni. Perciò, spesso mancano i piatti per servire un gran numero di ospiti. Grazie alle stoviglie monouso, questo non è più un problema in grado di rovinare il buon umore in vista del party. A portare un tocco asiatico nei nostri giardini ci pensano i piatti in foglia di palma di Oecoplan, prodotti con foglie di palma scartate. Dato che ogni foglia di palma ha una venatura diversa, ogni piatto è unico. I prodotti possono essere utilizzati in forno, sono composti di materiale per alimenti e sono resistenti al grasso e idrorepellenti. E dopo l’uso si possono compostare.


Preparativi: né troppo né poco

Il grattacapo di tutti i preparativi: quanta acqua, vino e birra occorre preparare? Una semplice regola generale non esiste, la risposta dipende da questi fattori: quanti ospiti arriveranno? Si tratta di persone che bevono molto, poco o normalmente? Ci sono anche bambini? Che tempo farà? Fino a quando dovrebbe durare la festa? Una volta chiarite queste domande, potrete calcolare le quantità necessarie con l’ausilio degli appositi calcolatori online. Oppure stimarle voi stessi e, in caso di dubbio, arrotondare al rialzo, perché la prossima grigliata serale è già dietro l’angolo.


Freschezza: la temperatura giusta

Non dimenticate di tenere le bevande al fresco! La cosa migliore è metterle in frigo già al mattino. Durante il party potete disporle in un vano refrigerante o, in caso d’emergenza, in una vaschetta da bagno per bambini con acqua, ghiaccio e sale. Così rimarranno ben fresche. Le bowle potranno tranquillamente essere senz’alcool: preparate con acqua minerale o Rimuss. Così tutti gli ospiti potranno apprezzarle. I padroni di casa più attenti fanno trovare una bottiglia di rum o vodka accanto alla bowle, così gli ospiti possono aggiungerne a discrezione alla bibita analcolica.


Musica: una playlist variata

C’è chi ama il punkrock e chi Debussy. Se desiderate accontentare tutti, create una playlist la più variata possibile, sebbene ciò richieda tanto lavoro. Potete perrò anche fare una ricerca in internet inserendo parole chiave come lounge, dub, ambient chill out o easy listening. Su iTiunes trovate, per esempio, l’album Best Chillout & Lounge Music 2014 con ben 200 canzoni per soli 4 franchi. Anche Café Del Mar propone musica rilassante sull’omonima website, su Youtube o Spotify. Ci sono i ritmi latinoamericani e brani con chitarra, che sono gradevoli alla maggior parte delle persone.


Bettina Lea Toffol (vice direttrice Editorial Design), Fabian Kern (redattore di Coop Zeitung) e Morgane Roth (mediamatica di Coopération) si servono al ricco buffet.

Vespe, zanzare & co.

Ma dove si trovano pietanze all’aperto, non mancano vespe e zanzare. Coprire gli alimenti e tenere d’occhio le bibite è l’unica strategia che aiuta realmente. Un pasto separato per le vespe serve solo in parte. E la teoria secondo la quale il rame contenuto nelle monete da 5 centesimi scaccerebbe le vespe appartiene al mondo dei miti. Più efficaci le candele alla citronella, che non servono solo a tener lontane le zanzare, ma di sera creano anche una bella atmosfera. Se volete essere utili agli ospiti, offrite un buono spray antizanzare.


Insalate: tradizione e esperimenti

Per quanto riguarda le insalate e gli intingoli, potete solo sbizzarrirvi. Di sicuro, non possono e non devono mancare quelle classiche, come le insalate di patate, di formaggio e cervelas o di pasta. Ma bisogna avere coraggio e offrire, per esempio, anche l’insalata di quinoa! Ecco la ricetta: cotta nel brodo, fatta raffreddare e arricchita con avocado, peperoni e un po’ di cipollotti. Condita con sale, pepe, un po’ di succo di limetta, aceto balsamico e olio d’oliva. Una delizia adatta anche ai vegani.


I vicini: cosa dice la legge

Informate in anticipo i vicini, soprattutto i rompiscatole, con una bella letterina, magari anche con un regalino. Meglio ancora, invitateli alla vostra festa! In generale, avere riguardo per gli altri è un segno di intelligenza e di civiltà, così come essere tolleranti. E ci sono anche basi legali da considerare, cioè il diritto di vicinato, contemplato dal codice civile. La quiete notturna inizia al più tardi alle ore 22. Chi suona la chitarra dopo mezzanotte non deve sorprendersi di trovare la polizia sotto casa. E non c’è regalino che tenga.


Fiori e decorazioni: i colori

Una composizione semplice è perfetta e i colori danno allegria. Create mazzi di fiori di colori diversi, come un prato fiorito. Attenti a che gli ospiti riescano a vedersi tra i fiori e le decorazioni. Anche le ghirlande fanno una bella figura sulla tavola, magari drappeggiate in tulle o in un altro bel tessuto. La luce che crea atmosfera la sera è quella delle candele, da disporre in graziosi portacandele che proteggono le fiamme e… le mani degli ospiti.


Meteo: sole e caldo estivo

Una festa estiva sotto la pioggia non è proprio divertente. A meno che l’attrazione principale sia una gara al pulcino bagnato più bello della serata. Gli ospiti apprezzano se, in caso di maltempo, offrirete loro un’alternativa protetta. Una tenda per party, per esempio, se non c’è troppo vento. Altrimenti meglio un locale, che è più sicuro. Per sapere che tempo farà, si possono consultare le app di Meteosvizzera, Meteoradar o Meteoblue. Si possono monitorare temporali e aree piovose. In caso di temporali, meglio rifugiarsi in casa!


Ustione: se l'allarme è rosso

Durante una grigliata il rischio di bruciature è sempre in agguato. Raffreddate subito la zona colpita per 10 - 15 minuti sotto acqua corrente tiepida (15-20°). Ciò non solo mitiga il dolore, ma impedisce che l’ustione raggiunga strati di tessuto più profondi. Non utilizzare acqua ghiacciata, provocherebbe più danni. In caso di ustioni gravi chiamare il numero d’emergenza 144 e tenere il ferito al caldo, finché non arrivano i soccorsi. È importante non rimuovere i vestiti bruciati dal corpo dell’infortunato.


I resti: un party, due pasti

Insalata, patatine, pane e carne alla griglia: non di rado, dopo una festa rimangono dei resti. Non è un problema, poiché si possono riutilizzare. Il pane può essere trasformato velocemente in crostini. Tagliatelo a dadini da rosolare in un po’ d’olio e con spezie. In un contenitore a chiusura ermetica, i crostini si conservano bene per una settimana. I resti di carne andrebbero rimessi sul fuoco per un po’ e poi tagliati a pezzetti per arricchire insalate o panini. Le patatine, invece, spariscono subito.