X

Argomenti popolari

SONDAGGIO
FONDUE

Fondue mon amour

La fondue di formaggio è un piatto nazionale molto apprezzato anche nella Svizzera italiana. Stando al nostro sondaggio della settimana, il 63% afferma di mangiarla almeno una volta all’anno, mentre il restante 37% mai.     

FOTO
massimo pedrazzini
30 settembre 2019

Lorenzo Patocchi, 47 anni, ing. informatico, Manno. «La mangio abbastanza spesso, anche in estate e soprattutto in montagna».

La fonduta e la fondue

In italiano è chiamata fonduta, ma in tutta la Svizzera ad imporsi è stato il termine fondue, gallicismo che riporta alla provenienza geografica di questo piatto tipico a base di formaggio fuso della regione alpina occidentale della Svizzera, conosciuto anche in Savoia, Valle d’Aosta e Piemonte.

La ricerca del Politecnico di Zurigo

La fondue moderna si è diffusa in diverse varianti in tutto il Paese grazie all’industrializzazione e all’intensificarsi degli scambi commerciali. Ciò ha permesso a questa specialità di diventare un piatto nazionale elvetico. Ad occuparsi delpiatto svizzero è stato nientedimeno che il Politecnico di Zurigo (ETH), che, a inizio marzo, ha presentato i risultati della ricerca sulla fonduta perfetta. Oltre al formaggio Gruyère e Vacherin, vanno aggiunti vino e amido. E per avere una consistenza perfetta, la miscela costituita da amidi deve essere almeno del 3%. E in Ticino piace la fondue? Secondo il nostro sondaggio della settimana, il 63% dice di mangiarla almeno una volta all’anno.

I dati sono stati ottenuti con un sondaggio telefonico su 500 residenti in ticino interpellati casualmente


Cosa dicono i nostri lettori

Mirko Lanzi, 44 anni, montatore ascensori, Gordevio. «Spesso in montagna, sul fuoco da campo in esterno».

 

Greg Costantini, 40 anni, manutentore, Monti di Ravecchia. «Ora che sono in Ticino non la mangio spesso; ho abitato in Vallese e ne ho fatto una overdose...».