X

Argomenti popolari

SONDAGGIO
FESTA DELLA DONNA

Libero per tutti

Giorno festivo l’8 marzo? Il sondaggio di questa settimana trae spunto dalla decisione del parlamento del Land di Berlino di istituire come giorno festivo la festa internazionale della donna. In Ticino a prevalere sono indifferenza e contrarietà.

FOTO
SANDRO MAHLER
04 marzo 2019

Nadia Rodriguez, 57 anni, casalinga, Caslano «Sì. Potrebbe essere un giorno di riflessione sui problemi della donna in generale».

L’8 marzo i berlinesi non lavorano

Nella città stato di Berlino l’8 marzo sarà considerato giorno festivo. La decisione presa all’inizio di quest’anno dal parlamento del Land della metropoli tedesca a maggioranza rosso-rosso-verde rappresenta una novità in Europa occidentale. La CDU avrebbe preferito come festivo il 31 ottobre, giorno della Riforma di Lutero, mentre i liberali erano contrari a qualsiasi giorno di riposo in più, per timore di un calo del PIL e di introiti fiscali. AfD, invece, analogamente alla CDU, avrebbe voluto sentire prima la voce dei berlinesi.

A livello internazionale, l’8 marzo è giorno di riposo in diversi paesi, tra i quali, per esempio, Angola, Armenia, Eritrea, Cuba, Mongolia, Corea del Nord e, in Europa, Russia, Bielorussia e Ucraina.

In Ticino argomento poco sentito

Stando al nostro sondaggio, in Ticino a prevalere è l’indifferenza. Alla domanda «Siete favorevoli all’8 marzo giorno festivo», il 41% ha risposto “Non so/indifferente”, mentre i favorevoli si fermano al 29%. Il resto, il 31%, si è detto contrario.

I dati sono stati ottenuti con un sondaggio telefonico su 500 residenti in ticino interpellati casualmente.


Cosa dicono i nostri lettori

Sabino Zingaro, 64 anni, pensionato, Lugano «No. Secondo me è un'occasione per fare dei regali alle donne, ma non c'è bisogno che diventi festivo».

 

Käthi Herzog-Bohren, 79 anni, custode, Caslano «Per me è uguale. Generalmente, non mi piacciono le feste comandate».