X

Argomenti popolari

SONDAGGIO
SCORTA DOMESTICA

Scorte a sufficienza

Le autorità federali raccomandano di avere a disposizione scorte alimentari sufficienti per almeno sette giorni per far fronte a eventuali catastrofi naturali e altre emergenze. Ecco i risultati alla domanda del nostro sondaggio: «Lei fa scorte alimentari?»

21 gennaio 2019

Wanda Duca, 38 anni, infermiera, Ascona «Col mio lavoro non riesco a fare la spesa quotidianamente per cui, quando ho il turno libero, faccio una bella provvista e, di conseguenza, delle miniriserve».

Le raccomandazioni dell’UFAE

Ogni economia domestica dovrebbe disporre di scorte alimentari per coprire il fabbisogno di sette giorni. È questa la raccomandazione dell’UFAE, l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese. In caso di catastrofi naturali, la fornitura di derrate alimentari può interrompersi. In Svizzera, negli ultimi 20 anni, abbiamo assistito a fenomeni meteorologici estremi che, oltre a provocare vittime e danni ingenti, hanno causato black-out elettrici e il blocco di diverse strade. Le autorità raccomandano quindi di avere una scorta alimentare che comprenda 9 litri di acqua a testa, generi alimentari a lunga conservazione, fornelli da campeggio, torce, fiammiferi e candele, articoli per l’igiene personale e medicinali, fondamentali per la salute dei malati cronici.

La metà dei ticinesi fa scorte a sufficienza

Dal nostro sondaggio emerge che praticamente la metà dei ticinesi, esattamente il 51%, fa scorte sufficienti per almeno 7 giorni, mentre la percentuale di chi proprio non ne fa si ferma al 27%. PDA

I dati sono stati ottenuti con un sondaggio telefonico su 500 residenti in ticino interpellati casualmente FOTO massimo pedrazzini


Cosa dicono i nostri lettori

Jessica Baccalà, 35 anni, assistente di cura, Faido «Facendo la spesa una volta a settimana, diventa inevitabile avere delle miniscorte».

 

Mario Pesciallo, 57 anni, operaio comunale, Faido «Sì, faccio scorta di pasta e latte che, a casa mia, non devono mai mancare».