X

Argomenti popolari

TEMPO LIBERO
ORDINE CREATIVO

La magia del riordino

La cantina di molti di noi è il simulacro del caos. Ma, per eliminare il superfluo e ridare lustro allo spazio più fresco e buio di casa, possiamo chiedere aiuto alla professionista dell’ordine.

TESTO
FOTO
ALAMY
28 aprile 2019

Liberarsi dell'inutile è il modo migliore per riorganizzare gli spazi di casa.

Coach del riordino

Antonella Criscione

Antonella Criscione, coach del riordino.

Vivere nella società del consumo significa possedere tante cose. Alcune utili. Altre inutili. Spesso questi oggetti si accumulano in cantina e nei locali hobby. Angoli che, nonostante tentiamo di addomensticare, ingombrano i nostri pensieri. Da qui la necessità di fare una riflessione: cosa serve davvero alla nostra felicità e cosa invece la ostacola?

Dal troppo nasce il desiderio di tornare al poco ed esplode il fenomeno Kondo. Nel 2011 Marie Kondo diffonde la filosofia dell’ordine in tutto il mondo con il libro “La magia del riordino” che nel 2019 sbarca su Netflix con una serie sul riordino. Prendi un oggetto in mano: ti dà gioia e lo utilizzi? Tienilo. Non lo usi da tempo, ti crea disagio? Buttalo.

Anche alle nostre latitudini si è sviluppata la figura professionale di coach del riordino… «Metti frettolosamente ogni cosa a posto quando arrivano ospiti. Ma non sei tu l’ospite più importante della tua casa?», ci accoglie così l’esperta del riordino, Antonella Criscione. Membro dell’Associazione Svizzera dei Professionisti del Riordino (www.swiss-apo.ch), il suo ruolo è di sostenere e guidare il cliente nel ripensare la gestione degli spazi in cui vive.

«Il professional organizer è nato negli Stati Uniti negli anni ’80, per poi approdare in Europa. Il suo ruolo è accompagnare l’individuo a sviluppare un metodo del riordino, per rendere il proprio ambiente armonioso e funzionale», dice l’esperta.

Luoghi sensibili

Cantine e locali hobby sono i luoghi che hanno bisogno di maggiore attenzione… «Vedo la cantina come una parte della casa e non come un deposito, le dedico spesso 10 minuti alla settimana per rivalutare gli oggetti lì deposti – sposto e creo spazi nuovi, valuto cosa posso anche regalare ad amici e, perché no, rivendere», afferma la professionista del riordino. Quella del riordino è una filosofia di vita semplice e funzionale. «Pratica e rivolta a non buttare via tempo e denaro, evitando di comprare oggetti che poi finiranno nelle cantine delle nostre case».

La stanza degli hobby di Lara Majek aveva l’aspetto di una cantina caotica. Quando il quarto figlio compie i 10 anni, nasce il desiderio di trasformarla in sala per la lettura e per il pianoforte… Dove incominciare? Da soli non è evidente e l’aiuto di Antonella arriva al momento giusto. «Abbiamo passato in rassegna gli oggetti che affollavano la stanza, eliminando il superfluo», spiega Lara, «ora so quello che ho in casa, gli spazi respirano e, a differenza di prima, riesco a trovare quello che cerco rapidamente».

La presenza della coach aiuta a lasciare andare l’inutile. «Penso sempre che gli oggetti possano servire un giorno o l’altro. Separarsene non è facile, ma volevo ordine e spazio in casa».

Secondo l’esperta, per riordinare un locale della casa ci vogliono 6 ore. «Si parte dallo space clearing (passare in rassegna gli elementi superflui), al decluttering (eliminarli), e nella fase finale si riorganizza lo spazio».

Nel caso di Lara, una libreria, messa in orizzontale, è diventata un porta oggetti, dove le cassette di plastica fanno da separazione. «Mi ha colpita la capacità di Antonella di vedere immediatamente le soluzioni. Non si tratta solo di ‘fare ordine’ e buttare le cose vecchie, ma di avere uno sguardo nuovo – spiega Lara –; il bello è che non ho dovuto comprare nulla, abbiamo usato tutto quello che avevo già in casa in modo nuovo. Non accumulo più come prima e ho coinvolto i figli con un lavoro periodico di verifica. Ora viviamo la casa con più serenità».

La soddisfazione di Lara Majek è stata immensa e le lezioni apprese le permettono di riorganizzare altri spazi, dal salotto alla cucina. E la vita, d’un tratto, si fa più… leggera!