X

Argomenti popolari

TEMPO LIBERO
QUADRO

Credere nelle favole

Può la saggezza popolare dei proverbi combattere, o perlomeno limitare, la stupidità degli uomini? È la domanda che sembra porre questa immagine attribuita al pittore fiammingo Hieronymus Bosch.

FOTO
MAD
25 febbraio 2019

"Prestigiatore", di Hieronymus Bosch o della sua bottega, post 1502, olio su tavola, cm 53 x 65, è conservato al Musée Municipal di Saint-Germain- en-Laye.

“Chi dà ascolto alle illusioni perde il denaro e si fa schernire dai fanciulli”, recita un proverbio fiammingo. Ha almeno cinquecento anni, ma parrebbe scritto oggi, se si pensa agli innumerevoli inganni, bufale, fake news che dominano vita reale e vita virtuale. Ed è in questo proverbio che si può considerare racchiuso il senso della scena rappresentata nel quadro del “Prestigiatore”. L’opera, benché sia oggetto di grandi dibattiti, sia per quanto riguarda la datazione sia per l’attribuzione – incerta tra Hieronymus Bosch o la sua bottega – è stata indubbiamente realizzata con quella genialità compositiva che ha contraddistinto il visionario pittore fiammingo.
Il dipinto è suddiviso nettamente in due parti da un tavolo. Da un lato spicca solitaria la figura del prestigiatore, che altri non è se non un ciarlatano intento alla pratica del gioco dei bussolotti. Dall’altro c’è un sempliciotto (forse un monaco?), che sputa una rana, probabile frutto di un’illusione. Attorno al credulone assiste alla scena un manipolo di persone, tra cui un bambino che lo fissa con sguardo beffardo, mentre un complice del ciarlatano gli sottrae la borsa con i denari.
Ritorna in questo olio su tavola il tema dell’umana stupidità, ricorrente nel repertorio di Bosch, che per rappresentarla fa ricorso alla tradizione popolare e alla saggezza dei proverbi. Diversi i simboli esplicativi presenti: la civetta nel paniere del prestigiatore, animale frequente nelle opere del fiammingo, è segno di inganno; la rana allude alla credulità; il cane con il berretto da giullare è emblema del maligno, incarnato dal prestigiatore. La perfidia di quest’ultimo è sottolineata dalla sua particolare fisionomia, esaltata dalla scelta di dipingerne il volto di profilo. La scena è delimitata da un muro in rovina, che sembra isolarla dal resto dell’umanità come fosse una quinta teatrale.


L'artista

Hieronymus Bosch

Imitatissimo nel corso dei secoli, Hieronymus Bosch (1450 ca – 1516) è uno dei più enigmatici rappresentanti della pittura fiamminga. Testimone dell’umanità derelitta e senza speranza, è oggi celebrato anche nel famoso ciclo seriale di thriller creato dall’americano Michael Connelly, con protagonista l’omonimo detective.