X

Argomenti popolari

QUADRO

Edma che legge

Figura centrale dell’impressionismo, nonostante il maschilismo imperante, Berthe Morisot (1841-97) prediligeva scene di vita familiare e momenti ricreativi. Come nel dipinto “La lecture”, con la sorella Edma “en plein air”, in abito bianco e intenta a leggere un libro.

FOTO
Howard Agriesti
14 ottobre 2019

"La lecture", di Berthe Morisot, 1873, olio su tela, cm 46 × 71,8, è conservato al Cleveland Museum of Art.

Riferendosi al mondo occidentale, la storia dell’emancipazione femminile ha poco più di un secolo di vita. E tuttavia non si può considerare conclusa, dato che esistono ancora oggi paesi in cui non tutti i diritti sono garantiti alle donne, o sono pienamente in atto. Precorritrice della ricerca di questa libertà è Berthe Morisot, figura centrale dell’impressionismo. Benché sia ricordata più spesso come modella di Edouard Manet – di cui sposa il fratello Eugène – è un’artista di talento e di successo. In opposizione alle norme del suo tempo, che vietavano alle donne di frequentare le scuole accademiche e di fare della pittura la propria professione, diviene una figura essenziale dell’avanguardia parigina della seconda metà dell’Ottocento e del successivo sviluppo dell’arte moderna.

È l’unica donna ad esporre nella prima mostra impressionista, inaugurata il 15 aprile 1874 nello studio del fotografo Nadar, cui partecipa con quattro opere. Una di esse è “La lecture”, conservata al Museo d’arte di Cleveland (Usa) e datata 1873. In primo piano c’è una giovane donna vestita alla moda, emblema della vita borghese, seduta in un prato intenta a leggere. La Morisot predilige scene di vita familiare, momenti ricreativi, interni con figure femminili, maternità e ritratti di bambini. In questo caso la protagonista è la sorella minore, Edma, colta in una situazione informale, come suggeriscono anche i dettagli dell’ombrellino verde e del ventaglio.

Non si tratta però di un ritratto, ­perché l’interesse di Berthe è piuttosto quello di rendere una figura in un ­ambiente naturale, all’aperto, attraverso la pittura en plein air, tesa a restituire l’istantaneità dell’impressione. Le pennellate rapide, il tocco ­fluido e audace, le delicate tonalità di lavanda, blu, giallo e rosa sul bianco dell’abito danno al dipinto freschezza, vivacità e fascino. 


L’artista

Berthe Morisot

Nata a Bourges (Francia) nel 1841, Berthe Morisot si trasferisce con la sua famiglia a Parigi all’età di 11 anni. Non potendosi iscrivere all’École des beaux-arts (vietata alle donne fino al 1897), studia l’arte privatamente. Esponente di spicco del gruppo degli impressionisti, cui resta legata fino alla morte nel 1895, Berthe Morisot ha lasciato un patrimonio di circa 400 opere.