X

Argomenti popolari

Lifestyle

Una nuova identità

La richiesta: vorremmo trasformare il nostro studio in due camere per i bambini.

25 gennaio 2016

La progettazione assume completezza (soluzione vicino alle scale). Lo spazio è grande, ma qui è incompleto e caotico.


Tramezzi in cartongesso definiscono ambienti e percorsi distributivi necessari a organizzare l'open space di questo piano della casa. Un corridoio, lungo il quale incontriamo la porta del bagno, si allarga in un disimpegno. Qui si aprono le due porte delle camere da letto esistenti e quella di una delle due nuove camerette.  La porta della seconda camera da letto si colloca invece nello spazio dell'anticamera ricavato vicino alle scale,  davanti alla grande finestra.  In questo modo è possibile  realizzare due nuove stanzette per i bambini che risultano spaziose e funzionali: un armadio in legno laccato bianco, grazie a una cabina con ante a soffietto, organizza la zona spogliatoio e prosegue a «ponte» fin sopra al letto  singolo, posizionato vicino alla finestra. Aggiungendo appositi cuscini, il letto funziona anche da divano  durante il giorno.  Alla parete opposta, la scrivania in laminato grigio polvere si allunga con una curva verso il centro della stanza.  Poiché si tratta più di un  intervento di ristrutturazione, che di un semplice  restyling dell'arredo, è molto importante rispettare le  regole di progettazione degli spazi domestici, che garantiscono un'adeguata fruibilità dei percorsi e la giusta vivibilità di ogni ambiente. 

Il bozzetto fornito dall'architetto rappresenta solo un lavoro di ipotesi preliminare di distribu­zione e di arredo; non è da ritenersi sufficiente per procedere a interventi edilizi che necessitano di maggiore approfondimento.


Richiedi una consulenza

Per una consulenza gratuita basta inviarci una o più foto del locale che volete modificare e le sue misure.

La vostra domanda  su come arredare e sul concetto di benessere domestico va inviata a:

Redazione Cooperazione architetto
casella postale 2550
4002 Basilea

oppure per mail:
cooperazione@coop.ch