X

Argomenti popolari

SVAGO
PASSEGGIATE AUTUNNALI

La forza della natura

Passeggiare nella foresta è una buona abitudine, salutare per il corpo e per la mente. Sempre più studi lo dimostrano.

FOTO
Alamy
14 ottobre 2019

Tra le altre cose, una passeggiata nella natura può aiutarci a ridurre lo stress.

Gli svizzeri amano la foresta. L’odore del legno appena tagliato, delle foglie secche, dei funghi; i particolari giochi di luce, l’aria piacevolmente pulita, e la pace. Secondo un sondaggio dell’Ufficio federale dell’ambiente, molti svizzeri vanno almeno una volta alla settimana nel bosco e si sentono «molto più rilassati». Anche la scienza conferma sempre più spesso questa autovalutazione. Ricercatori italiani hanno recentemente pubblicato uno studio sul tema sull’International Journal of Biometeorology. La loro conclusione: dalla maggior parte delle ricerche risulta che i soggetti che sono stati in una foresta non solo si sentono bene per essere stati nella foresta, ma anche che il loro livello di cortisolo (anche conosciuto come l’ormone dello stress) nel sangue era significativamente inferiore a quello dei gruppi di controllo che non erano stati nel bosco.

Nei soggetti sottoposti al test, già solo l’idea che avrebbero fatto una passeggiata nel bosco, ha anche abbassato il livello di cortisolo, facendo dimenticare lo stress al lavoro, i rumori della città, i gas di scarico...

Contro la depressione

Già nel 2017, ricercatori coreani erano giunti alla conclusione che andare nella foresta è un modo efficace per alleviare i sintomi delle persone che soffrono di depressione. Altri studi dimostrano che l’aria pulita e meno carica elettrostaticamente nella foresta è particolarmente apprezzata da persone con malattie respiratorie acute e croniche. Tuttavia, questo non è sufficiente per raccomandare una passeggiata nella foresta come terapia. Il mondo asiatico affronta il tema in modo più pragmatico: la medicina tradizionale giapponese, per esempio, considera la passeggiata nella foresta, chiamata Shinrin-Yoku, come un mezzo per prevenire le malattie. «Camminare nella natura è ormai diventato un metodo riconosciuto in Giappone per ridurre lo stress» dice il medico ambientale Qing Li (58) della Nippon Medical School di Tokyo. Anche le aziende invitano i loro dipendenti a passeggiare nel bosco. Qing Li e il suo team stanno studiando gli effetti medici delle passeggiate nella foresta dal 2005. In diversi studi ha confrontato la loro condizione fisica e mentale dei soggetti prima e dopo la camminata. Si è scoperto che andare nella foresta ha rafforzato la loro vitalità, abbassato la pressione e ridotto ansia e depressione nelle persone psicologicamente sensibili. Basandosi sul tasso di adrenalina nelle urine dei soggetti del test, Qing Li ha constatato una diminuzione dello stress. Questo già a partire da due ore di permanenza nella natura.

Un sistema immunitario più forte

Nel sangue dei soggetti del test, lo scienziato ha anche studiato come è cambiata l’attività delle cellule natural killer durante una permanenza nel verde. Queste cellule fanno parte del sistema immunitario e sono in grado di riconoscere e uccidere le cellule tumorali. Nei soggetti sperimentali che hanno trascorso diversi giorni e notti nella foresta, l’attività e il numero di cellule killer e di altre sostanze per la difesa del corpo era aumentato in modo così significativo da essere ancora elevato anche dopo tren- ta giorni.

Altri studi suggeriscono che le persone con una maggiore attività delle cellule killer hanno meno probabilità di sviluppare il cancro. Ma i ricercatori non sanno ancora esattamente cosa innesca questo effetto protettivo. Qing Li, tuttavia, ritiene che questo sia dovuto in gran parte degli oli essenziali degli alberi che gli esseri umani inalano nella foresta.

Questi vengono rilasciati dagli alberi nell’ambiente per proteggersi da batteri, funghi, insetti e muffe. In particolare le conifere, come l’abete falce e il cipresso Hinoki, che si trovano frequentemente in Giappone, o l’abete rosso, l’abete o il pino alle nostre latitudini, sembrano rilasciare molte di queste sostanze, soprattutto quando vengono tagliate di fresco. Se si respira e si respira in profondità, si portano nel corpo molte di queste sostanze stimolanti.