Cliché che fanno storia | Cooperazione
X

Argomenti popolari

WEEKEND

Cliché che fanno storia

Abbigliamento, musica, tecnologia e vocabolario: ad ogni generazione le proprie manie.

TESTO
08 ottobre 2020

Boomer (1946-1965)

I boomer (figli del baby boom) mettono il lavoro in primo piano. La carriera viene prima di tutto.

Essendo cresciuti con i media analogici, usano le nuove tecnologie per attività classiche, come leggere il giornale.

La ripresa economica post guerra ed eredità importanti hanno generato molta ricchezza.

La mia casa, la mia auto, la mia barca: il possesso e gli status symbol sono importanti.

Generazione X (1966-1980)

L’aumento dei tassi di divorzio e la presenza di due genitori che lavorano hanno dato vita a figli molto indipendenti.

Appostarsi davanti alla radio, premere REC e personalizzare l’audio-cassetta: un’arte da generazione X.

La generazione X, da giovane leggeva giornaletti e riviste per adolescenti.

La generazione «No Future» ha sostituito il consumismo con valori immateriali.

Generazione Y (1981-1995)

Da ragazzi ascoltavano i discman con sistema anti-shock e CD creati da sé.

Il divertimento e l’auto-realizzazione sono centrali in tutti gli ambiti della vita.

I millennials sono «tecnofili». I telefonini e i videogiochi erano già presenti nella loro gioventù.

Un elevato livello di istruzione e formazione continua sono tratti tipici.

È detta anche generazione «why» (perché?): i millenials si interrogano su tutto. Sono iper-stimolati e a causa di ciò, hanno difficoltà a prendere decisioni.

Generazione Z (1996-2020)

I primi veri nati nell’era digitale si organizzano attraverso i social media.

Sono sensibili alle cause ambientali e si preoccupano del futuro del mondo.

Uomini truccati, donne pelose, persone fuori dagli schemi – la generazione Z accetta tutti e combatte per i diritti LGBTQI.

Nessuna voglia di eccessi di alcol: la generazione Z è più salutare. Le diete vegetariane e vegane sono all’ordine del giorno.

Poiché è considerata sensibile e psicologicamente fragile, viene anche chiamata in modo spregiativo la generazione snowflake (fiocchi di neve).


Leggi tutto »